Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Primavera: scoppiano i primi TEMPORALI POMERIDIANI...

Ad una attenta osservazione, nei pomeriggi primaverili ed estivi i temporali pomeridiani tendono a prediligere alcune zone piuttosto che altre. Cerchiamo di capire come mai.

In primo piano - 7 Aprile 2016, ore 15.05

Se potessimo sorvolare con un aereo tutta la dorsale appenninica e l’arco alpino in una giornata di sole, sicuramente noteremmo una grande varietà di paesaggi. Alcune rupi si presenterebbero scoscese, con molte rocce e senza alberi; altre ci apparirebbero di un verde intenso, per merito della presenza di abbondante vegetazione.

Proprio la diversa morfologia del terreno, che si ripercuote anche con una maggiore o minore copertura vegetale, influenza il distaccamento delle termiche dal suolo; queste bolle di aria calda sono molto importanti per la genesi dei temporali pomeridiani.

Se un pendio montuoso si presenta senza alberi, la roccia nuda può assorbire maggiormente i raggi del sole, che ne determinano un suo riscaldamento. Se invece un rilievo si presenta totalmente coperto da vegetali, l’assorbimento del calore da parte del terreno sarà minore, essendo in parte “neutralizzato” dalle fronde degli alberi stessi.

Minore riscaldamento del terreno significa minore produzione di termiche e di conseguenza di nubi cumuliformi ed eventuali temporali. In sostanza, è molto più facile che un temporale pomeridiano si sviluppi in un luogo con minore copertura vegetale, piuttosto che in prossimità di una zona totalmente verde.

Naturalmente questo discorso vale solo per i temporali cosiddetti "di calore o convettivi", che nascono e muoiono sul posto, a patto che non intervenga una corrente in quota in grado di spostarli su altre zone. In caso di sconfinamenti, i temporali di calore possono colpire anche zone relativamente lontane dal luogo di origine e la lontananza sarà direttamente proporzionale all’intensità della corrente in quota.

Un altro fattore che influenza la crescita dei temporali pomeridiani è sicuramente la presenza di laghi, magari anche artificiali, che si trovano in valli abbastanza strette, circondate da montagne anche elevate. In questo caso il lago crea un surplus di umidità, che viene sollevata dal riscaldamento delle rupi circostanti assieme alle termiche; l’aria che viene portata in quota, quindi, oltre ad essere calda sarà anche umida e la formazione di nubi e temporali sarà notevolmente esaltata.

Molto improbabile, se non impossibile, che un temporale pomeridiano si sviluppi in mare aperto. In questo caso l’umidità è presente in abbondanza, ma la presenza dell’acqua, la cui temperatura è quasi sempre inferiore a quella dell’aria, non consente il sollevamento di termiche. L’umidità, seppur presente, è costretta a rimanere nei bassi strati; non salendo in quota non si ha la condensazione del vapore acqueo e la formazione delle nubi, di conseguenza, verrà scoraggiata.
 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.48: SS70 Della Consuma

vento-forte

Strada chiusa al traffico causa presenza di alberi sulla carreggiata, vento forte nel tratto compre..…

h 17.48: A10 Genova-Ventimiglia

coda incidente

Code per 4 km causa incidente nel tratto compreso tra Raccordo A10 - A06 al Km 44 (Km. 44,7) e Cel..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum