Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Prima lo Scirocco, poi il Maestrale: ecco il botta e risposta che porterà la fine del grande caldo

Tra giovedì e sabato una debole ma diffusa ventilazione di Scirocco apporterà sull'Italia l'ultimo pacchetto di aria calda e stavolta anche umida dal nord Africa. Da domenica mattina e almeno fino a tutto martedì 28 subentreranno invece più intensi venti settentrionali, Maestrale in primis.

In primo piano - 23 Agosto 2012, ore 11.10

 L'Africa è un osso duro, ma quando si accorge di essere sotto attacco da parte di altre figure bariche che tentano di spodestarlo reagisce in malo modo mettendo in moto la sua ultima arma: lo Scirocco. Quando sull'Italia lo Scirocco si fa via via più umido significa che il grande caldo è ormai agli sgoccioli. Questo perchè tradisce lo sblocco del campo di alta pressione in favore di altre masse d'aria che presto vi subentreranno.

Guardate la prima mappa in alto: è riferita alle ore centrali di venerdì 24, ma può essere considerata valida da giovedì 23 a sabato 25: Si nota bene lo Scirocco che accarezza con il suo alito caldo e umido diverse regioni dell'Italia. Ciò comporterà un aumento del tasso di umidità e quindi ad una esacerbazione della sensazione di afa.

Ma quando l'afa si fa davvero opprimente ecco che subito dietro subentra la classica aria di temporale. E infatti tra sabato e domenica, come sapete, una passata temporalesca metterà la parola fine a questa intensa ondata di caldo africano. Oltre ai temporali, che potranno anche rimanere sconfinati solo su alcune regioni, arriverà il Maestrale a portare il tanto sospirato ricambio d'aria.

Lo vediamo dalla seconda mappa, riferita alle ore centrali di lunedì 27 agosto. Il vento discendente fresco che irromperà dalla Francia, interesserà gran parte d'Italia risultando più intenso sui nostri mari di Ponente, in particolare su quello di Sardegna e sul Tirreno, ma anche su basso Adriatico, Ionio e Canale di Sicilia, che potranno divenire fino ad agitati. L'alto Adriatico e le regioni che su di esso si affacciano potranno invece sperimentare l'altro vento fresco discendente dai bordi dell'arco alpino: la Bora.

Bora e Maestrale dunque si uniranno per garantire all'Italia la tanto sospirata rinfrescata ma attenzione, laddove non avremo precipitazioni degne di nota (è il caso ad esempio del nostro meridione e delle Isole Maggiori) il rinforzo del vento e il subentro di aria secca potrebbe aggravare la situazione degli incendi, quale triste e pesante eredità di questa estate sempre troppo africana.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum