Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

PREVISIONI METEO: dopo l'Africano, break temporalesco e poi nuovamente l'Azzorre?

Proprio in queste ore, un'onda anticiclonica africana, rinforza sui settori occidentali d'Europa, espandendosi poi al bacino centrale del Mediterraneo. Farà seguito qualche temporale sul finire della settimana (venerdì 22 - sabato 23 - domenica 24) poi nuovamente una chiusura affidata questa volta all'anticiclone oceanico.

In primo piano - 18 Luglio 2016, ore 17.45

L'intensità e l'importanza del break temporalesco previsto in ambito italiano tra venerdì 22 e domenica 24 luglio, è ancora messo in discussione da diversi degli aggiornamenti modellistici a nostra disposizione, questi ultimi mostrano una reiterata difficoltà nel comprendere quanto sarà tenace la resistenza opposta dall'anticiclone africano sul Mediterraneo. In ogni caso sembrerebbe abbastanza certo un declino rapido dell'onda altopressoria africana che, dopo aver raggiunto il culmine dalla seconda metà della settimana corrente, tenderebbe poi ad essere sopraffatta da un nuovo rinforzo della circolazione occidentale sulla Mitteleurope.

Ad oggi, indipendentemente da quello che sarà l'esito del passaggio instabile atteso il prossimo weekend, appare comunque PROBABILE un passaggio di consegne Africa-Azzorre previsto sul nostro Paese giá entro l'inizio della settimana prossima. Tale previsione ha dunque una discreta probabilità di realizzarsi. Il ritorno della circolazione occidentale potrebbe poi accompagnarci sin verso il termine della mensilità corrente.

Quali sarebbero le conseguenze di un ripristino della circolazione oceanica sul Mediterraneo?

Principalmente la circolazione dei venti e l'assetto termico; l'alta pressione delle Azzorre mette in gioco masse d'aria provenienti dall'oceano e pertanto caratterizzate da una temperatura decisamente meno calda rispetto ai valori misurati all'interno di un campo d'alta pressione africano. Sovente la presenza dei massimi anticiclonici sull'ovest Europa, favorisce una ventilazione vivace di Libeccio e Mastrale lungo i bacini occidentali, assente in caso di anticiclone africano dove invece prevale spesso la risacca. Ne risentono anche i valori di pressione al suolo, più elevati nelle circolazioni anticicloniche oceaniche, più bassi in quelle africane. 

Quali le differenze con la controparte africana?

Con l'anticiclone africano il caldo diviene intenso soprattutto nelle zone interne, mentre lungo le coste può essere in parte tamponato dalle brezze a scapito però di un forte aumento dell'umidità relativa e quindi dal realizzarsi di condizioni decisamente afose. Non rari sono i valori superiori ai +35°C che possono tranquillamente presentarsi anche sulle regioni settentrionali. Temperature queste ultime generalmente scongiurate in caso di dominio altopressorio oceanico. 

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 11.19: A1 Firenze-Roma

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Orvieto (Km. 451,4) e Attigliano (Km. 479,7) in direzione R..…

h 11.19: A1 Roma-Napoli

incidente

Incidente nel tratto compreso tra San Vittore (Km. 678,6) e Caianello (Km. 700,8) in direzione Na..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum