Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Pollino: il terremoto annunciato

Il lungo sciame sismico è sfociato in una scossa più forte delle altre (5.0) nella notte, e non è escluso che possano esservene altre di uguale intensità o addirittura superiori.

In primo piano - 26 Ottobre 2012, ore 09.59

Dopo il lungo, quasi infinito sciame sismico, che ha interessato la zona soprattutto negli ultimi mesi, è arrivata quella che molti temevano, quella che al momento, secondo gli ultimi e più recenti studi, sembrerebbe avere una possibilità su 30 di innescarsi durante uno sciame sismico di tale rilevanza. E' arrivata insomma la scossa del quinto richter, all'1.05 di stanotte nella zona del massiccio del Pollino, al confine tra Basilicata e Calabria, tra le province di Potenza e Cosenza.

L'epicentro, secondo l'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), è localizzato tra i comuni di Mormanno, Laino Castello e Laino Borgo, nel Cosentino, e nel comune di Rotondo, in provincia di Potenza. Sono quasi tutte le zone in cui gli abitanti per settimane negli ultimi mesi hanno dormito in macchina, stufi di restare sul chi vive in casa.

Un uomo di 84 anni è morto per infarto a Scalea, probabilmente per la paura provocata dalla forte scossa iniziale. 
A Mormanno ci sono stati crolli e danni all'ospedale. La struttura è stato evacuata a scopo precauzionale. Le scosse hanno lesionato la volta della cattedrale di Mormanno, che è stata chiusa. Ad Altomonte sono crollate due abitazioni già evacuate perché danneggiate dal sisma del maggio scorso. Crollati anche cornicioni nel centro storico. Danneggiati il centro sanitario e il campanile della chiesa di Santa Maria della Consolazione.

L'informativa sulle ripetute scosse del Pollino negli ultimi mesi non è mancata, ci si chiede se, come avvenuto a L'Aquila, non fosse il caso di evacuare almeno per alcuni mesi le popolazioni più a rischio, con un piano di intervento mirato ed intelligente, un provvedimento che, pur invocato da molti e da molti mesi, non è stato accolto, nè tantomeno intrapreso. E la gente continua a soffrire e patire, in attesa di altre scosse, che sicuramente non mancheranno, speriamo solo di assestamento, ma questo nessuno lo può dire. Perchè allora non fare prevenzione ed evacuare o almeno mandare tutti in tenda per un po'? Certo viene l'inverno e gli anziani potrebbero trovare riparo in qualche struttura alberghiera della costa, almeno temporaneamente.

Siamo proprio curiosi di vedere come agirà lo Stato questa volta.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum