Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Poco ghiaccio nell'Artico, inverni più freddi in Europa? Mah!

Ci sono diverse teorie.

In primo piano - 31 Agosto 2012, ore 11.38

L'estensione dei ghiacci dell'Artico ha toccato un nuovo minimo storico, dopo quello del 2007. E' successo il 26 agosto 2012, e come ampiamente documentato anche su MeteoLive, dal 1979 ad oggi i ghiacci del Polo Nord sono andati sempre riducendosi, con un'accelerazione importante nell'ultima manciata d'anni. In pratica si è sciolta circa la metà del ghiaccio presente 30 anni fa.

Il confronto tra l'agosto del 1980 e quello del 2012, a cui si riferiscono le immagini che vi mostriamo, lascia senza parole.

Qualcuno ha associato la fusione del ghiaccio artico ad un'evoluzione invernale fredda per l'Europa, almeno temporanea,  a causa di vasti tratti di Mar Glaciale Artico rimasti liberi da ghiacci, che fungerebbero da calamita per l'alta pressione, con il freddo dunque più propenso a muoversi verso sud, altri invece ritengono che questa situazione penalizzi complessivamente tutte le stagioni, e specialmente le basse latitudini.

In pratica ne risulterebbero ridotti gli scambi meridiani di calore, con pacchetti di aria fredda sempre più esili che solo a stento raggiungerebbero il centro Europa, e quasi mai il Mediterraneo, il vortice polare perderebbe importanza nelle stagioni intermedie e in altre parole si arriverebbe a sperimentare stagioni sempre più secche e calde alle latitudini mediterranee, con anticiclone delle Azzorre ormai confinato ad ovest dalla scarsa propensione ad accelerare della corrente a getto ed anticiclone africano sempre più invadente sull'Italia e sino al centro Europa.

C'è infine da considerare l'opinione di coloro che, limitando l'analisi alla sola salute dei ghiacci polari, vedono proprio in un'alta pressione frequente in sede polare in inverno, un mezzo per arrivare a raffreddare le acque superficiali oceaniche, utile a ricostruire la calotta, almeno parzialmente, mentre nelle altre stagioni, un certo dinamismo farebbe molto meglio di tante giornate soleggiate e stabili.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum