Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Piogge abbondanti in arrivo dopo le festività?

Le nostre carte a lunga gittata già da qualche giorno avevano individuato questa ipotesi. L'ulteriore conferma avutasi questa mattina ci ha spinto ad approfondire l'argomento insieme a voi e a tracciare le prime ipotesi.

In primo piano - 8 Aprile 2009, ore 10.43

Aprile potrebbe confermare la sua fama di mese più piovoso della primavera. Se da una parte il cielo sta al momento tornando parzialmente sui suoi passi, graziando le festività di una parte degli Italiani, dall'altra subito dopo la ripresa dell'attività lavorativa post-pasquale nuovi cupi scenari tingeranno i nostri orizzonti. L'attenzione principale va al solito anticiclone atlantico, ben noto per le sue recenti puntate verso le alte latitudini. Questa simpatia per le regioni nordiche si confermerà anche in questo frangente; a partire dal 15 del mese infatti la cellula oceanica di bel tempo, anzichè puntare il suo naso verso il Mediterraneo, si lancerà alla conquista dell'Islanda, con possibile successivo ripiegamento verso la regione scandinava settentrionale. In questo modo il vortice polare riceverà un fendente non da poco che lo deboliterà notevolmente. L'aria fredda racchiusa al suo interno inizierà ad essere sparsa verso le medie latitudini e l'asse del blocco anticiclonco atlantico erettosi ad ovest del Vecchio Continente ne guiderà le contromosse verso l'Europa. Secondo alcuni scenari propostici dai modelli pare possibile dunque l'affondo di un asse di saccatura dalla regione scandinavo-finlandese verso l'Europa centrale, quindi fin sui nostri mari occidentali. A questo punto si attiverebbero massicce correnti di richiamo, miti e umide di origine afro-mediterranea a controbilanciare l'aria fredda in discesa dal grande nord con l'attivazione di notevoli contrasti termodinamici all'origine di una possibile prolungata fase piovosa, a tratti anche perturbata. Prima di trarre conclusioni però, occorrerà verificare in prima istanza la reazione della saccatura all'impatto con la catena alpina. Proprio da questo fondamentale presupposto saremo in grado di tracciare una linea più particolareggiata di questo nuovo evento chiamato a impegnare la seconda metà del mese di aprile, così lontana da quella primavera stabile e soleggiata che effettivamente non gli appartiene.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum