Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Perturbazione in vista; dove e quando colpirà?

Un affondo perturbato, per la verità non molto incisivo, smorzerà per qualche giorno la calura e l’afa, grazie al vento, rovesci di pioggia e temporali sparsi. Più interessati il nord e parte del centro, meno il sud, ancor meno le isole maggiori, soprattutto in termini di precipitazioni.

In primo piano - 5 Agosto 2008, ore 10.15

Stiamo per giungere dunque ad una svolta che, attenzione, non coinciderà affatto con la fine dell’estate; ma almeno con la fine di questo periodo ostico, fatto di caldo afoso ed opprimente, soprattutto per gli italiani delle pianure e delle coste. Ci attraverserà una moderata perturbazione, cullata da una saccatura non molto profonda, ma capace comunque di smuovere la palude barica in cui siamo immersi. Per questa figura depressionaria non sarà difficile avanzare nell’atmosfera quasi ferma che ci sovrasta; ma il nostro territorio è tuttora disseminato di insidie geografiche, termiche e bariche molto complesse ed articolate, che renderanno lo sviluppo dei temporali molto eterogeneo, sia in termini di distribuzione, che di intensità. Una generale rinfrescata sarà comunque garantita un po’ per tutti, grazie soprattutto al vento e alla dispersione dell’umidità; poi niente più sarà come prima. Qualcosa si romperà, e il meteo percorrerà, come di norma accade, strade diverse da quelle che ci hanno portato fino a questi giorni. Scendendo più nel dettaglio possiamo dire che le prime zone ad assaggiare questo passaggio instabile e perturbato, saranno quelle di nord-ovest, in particolare nel pomeriggio-sera di giovedì. Nubi un po’ ovunque, ma rovesci e temporali che preferiranno l’alto Piemonte, parte della Val d’Aosta e qualcosa di più sporadico nell’entroterra Ligure. Tra la sera e la notte i fenomeni si estenderanno alla Lombardia, specie zona laghi e Prealpi; a seguire su Trentino, Gardesano, Dolomiti e zone pedemontane. In nottata, e in seguito nella mattinata successiva, non si escludono fenomeni sparsi sulla Liguria e, con l’avanzare del giorno, anche su alta Toscana e Appennino settentrionale. Nuove celle temporalesche si riformeranno, tra la mattina e il pomeriggio, su Lombardia e Triveneto, in spostamento verso est. In questa fase non si escludono isolati fenomeni ed un certo interessamento, anche dell’Emilia Romagna e, molto più probabilmente del centro-nord Appennino. Nel frattempo i cieli si saranno popolati di nubi medio-alte su quasi tutto il centro-sud, mentre addensamenti più consistenti, associati a qualche rovescio o temporale, potrebbero frequentare le zone interne del centro. Per sabato non si escludono isolati fenomeni pomeridiani sui rilievi del nord-est, parte delle pianure orientali e Appennino centro-meridionale. A secco invece isole maggiori e regioni ioniche, ma un po’ tutte le zone costiere del centro-sud. Unici vantaggi, lo ribadiamo, qualche grado in meno e un po’ di vento in più; per la verità abbastanza teso e di Maestrale su Sardegna, Sicilia e mari adiacenti.

Autore : Giuseppe Tito

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum