Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Perturbazione del mercoledì LIVE: fenomeni soprattutto sulle Alpi

Atlantico ancora in piena forma. Dopo il transito di un primo fronte nuvoloso nella notte su martedi ecco giungere di gran carriera da ovest un nuovo sistema frontale. Le precipitazioni attese in particolare sui settori alpini e sui settori padani settentrionali

In primo piano - 30 Aprile 2008, ore 09.42

Un centro depressionario centrato sulle isole Britanniche risulta ben strutturato a tutte le quote e riceve sulla sua parte posteriore continui apporti di aria fredda di tipo artico marittimo. La sua collocazione agevola una risposta di aria mite e umida di origine mediterranea sulla sua parte anteriore corrispondente al bacino occidentale del Mare Nostrum. Qui la risalita della corrente a getto in alta quota determina la formazione di alcune onde atmosferiche secondarie entro le quali scorrono diversi sistemi frontali i quali poi raggiungono in serie anche il nord Italia. Un primo fronte freddo ha attraversato la nostra Penisola tra la notte e la mattinata di martedì 29 aprile distribuendo una buona dose di precipitazioni sulle nostre regioni settentrionali. Sulle Alpi è anche tornata la neve mediamente oltre i 1600 metri. Ora il fronte si è allontanato sui Balcani dove trova la resistenza opposta da una circolazione anticiclonica che lo costringe a rallentare e a indebolirsi. Dalla Francia intanto una nuova perturbazione si sta portando a ridosso delle Alpi occidentali e risulterà determinante per il tempo sulle nostre regioni settentrionali, in particolare nel pomeriggio-sera di mercoledì 30 aprile. Sono attese precipitazioni sparse già in mattinata tra la val d'Aosta e l'alto Piemonte, specie in val Formazza e in zona Verbano, in ulteriore intensificazione nel corso della giornata ed estensione ai rilievi lombardi e zone pedemontane adiacenti. Qualche pioggia si potrà verificare sui rilievi del Triveneto nonchè sui settori interni appenninici del Levante ligure, segnatamente nel pomeriggio-sera. Rovesci sparsi saranno possibili sulla fascia prealpina e pedemontana veneta. In serata sono attesi rovesci talora intensi nel Canavese, in zona laghi lombardi e sul settore orobico, dove saranno possibili anche spunti temporaleschi. La neve tornerà nuovamente a cadere sulle Alpi a quote comprese tra i 1500 e i 1700 metri. Qualche scroscio si allungherà anche sulla pianura piemontese e su quella settentrionale lombarda. Probabilmente all'asciutto i settori padani posti a sud del Po. Nella nottata successiva si attenuano i fenomeni ad iniziare dalla valle d'Aosta.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum