Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ottobre vedrà un raffreddamento abbastanza precoce del continente Euroasiatico? Ci sono segnali positivi

L'andamento della stagione autunnale sul continente Euroasiatico contempla quest'anno un raffreddamento deciso della temperatura che porta lo snowcover ad incrementare velocemente anche al di sotto del 65° grado di latitudine nord. Ecco nel dettaglio cosa sta succedendo.

In primo piano - 16 Ottobre 2014, ore 18.00

Che sia un anno differente rispetto a quello appena passato lo si fiutava nell'aria già da diversi giorni, leggendo anche altri articoli sparsi per il web. L'avanzamento dello snowcover in Eurasia, con particolare riferimento alla copertura nevosa verso le regioni orientali dell'Europa e della Siberia al di sotto del 65esimo grado di latitudine nord, diviene una realtà tangibile che acquista ancor più importanza se raffrontato alla media registrata lo scorso anno, collocata su valori assai ridotti per il periodo, dato il grande afflusso d'aria mite che investì la Russia ed il continente Euroasiatico durante gran parte dell'autunno/inverno 2013/2014.

L'avanzamento della copertura nevosa in sede euroasiatica, rappresenta un elemento predittivo molto importante per quanto riguarda quelle che potranno essere le mosse future della stagione invernale sul nostro Paese così come sul resto d'Europa. Gli anni che presentano una elevata copertura nevosa in sede siberiana, estesa anche al di sotto del 65esimo grado di  latitudine nord, sono spesso stati seguiti da eventi di AO negativa, cioè con la tendenza del Vortice Polare a presentare una struttura molto disturbata. Spesso e volentieri in ambito europeo significa avere anticicloni sul nord-Europa e nord-Atlantico, con depressioni a carattere freddo sul Mediterraneo e l'Europa centrale, accompagnate da nevicate a quote basse.

A livello emisferico gli assi del vortice prevedono sino ad ora la presenza di due grandi lobi collocati uno sul Canada occidentale, l'altro sul continente Euroasiatico, avviando per questi due settori un raffreddamento piuttosto importante della temperatura. In tal modo potrebbero in un futuro essere favorite le famigerate elevazioni della Wave 1 (onda pacifica) e Wave 2 (onda atlantica), con conseguente formazione di un blocking alla circolazione oceanica in grado di operare un raffreddamento deciso dell'aria anche in ambito europeo. I primissimi step di questo processo sono visibili già dalle previsioni odierne sull'angolo nord-orientale europeo, anche se ci attendiamo un probabile riaccorpamento del vortice nel corso della terza decade ottobrina, del tutto fisiologico. 

In poche parole, secondo questi ultimi aggiornamenti possiamo constatare come vengano compiuti i primi step atti alla costruzione di una buona stagione invernale anche sull'Europa, anche se per ora non è ancora tempo del grande freddo.
 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum