Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Oceani in fermento, all'orizzonte spunta l'ipotesi Nino

Ce lo comunicano diversi Istituti climatologici e ce lo conferma con un apposito avviso anche la NOAA in persona. Eventuali conseguenze? Non prima del prossimo autunno.

In primo piano - 5 Giugno 2009, ore 09.48

Dopo una lunga fase di quiete che ha contraddistinto la fascia oceanica chiave per il clima del Pianeta, la cosiddetta zona "ENSO", qualcosa sembra muoversi nelle acque superficiali degli oceani. I dati pervenuti dagli ultimi rilevamenti, elaborati da appositi modelli, sono giunti ad una conclusione che questa volta pone le basi su elementi concreti e che difficilmente non si possono condividere. Stiamo andando verso una fase caratterizzata dal ritorno di El Nino, il bambinello impertinente che scalda le acque equatoriali del Pacifico orientale determinando una serie di reazioni a catena a effetto domino con ripercussioni a livello planetario. Oltre alle previsioni d'ensemble da tempo orientate verso questa prospettiva, mancava solo il comunicato ufficiale di monitoraggio della NOAA, pervenuto ieri 4 giugno con la seguente dicitura: "El Niño Watch". Nel medesimo comunicato si evince che complessivamente nel mese di maggio l'andamento delle temperature superficiali oceaniche in zona ENSO sono risultate ancora neutre, tuttavia si nota un lento aumento delle stesse, aumento che ormai si protrae da 5 mesi con valori compresi tra +0,4 e +0,5°C. Altri elementi che fanno pendere la bilancia verso la nascita di El Nino sono racchiusi nella struttura del termoclino, con l'affioramento di acque più calde già al di sotto di esso. Da prendere in considerazione anche l'andamento della convettività equatoriale identificata nell'indice MJO, la cui fase prevista per la fine di giugno, solitamente coadiuva anch'essa la strutturazione di El Nino. Al momento infatti si sta già registrando un progressivo indebolimento degli Alisei; il mancato "raschiamento" del termoclino sottovento alle coste ecuadoregne sta difatti provocando, come detto poc'anzi, la risalita di acque via via più tiepide in loco. Conseguenze sull'Europa? E' ancora molto presto per trarre conclusioni, sia perchè nessuno è in grado di quantificare la portata dell'evento, sia perchè non si so come possa reagire il Pacifico boreale, alle prese con l'indice PDO decisamente negativo che solitamente inibisce il fenomeno di El Nino, sia anche perchè i modelli non sono in grado di quantificare la forzante solare che ancora rimane fuori dagli schemi con una attività molto bassa e soprattutto molto protratta nel tempo.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 07.10: A51 Via Raffaele Rubattino incrocio Tangenziale Est Di Milano

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo SP3 Brugherio: Cologno M. Nor..…

h 07.08: A8 Milano-Varese

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Fiera Milano e Fiorenza-Allacciamento A4 (milan..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum