Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Obiettivo anticiclone: l'accendiamo?

L'Italia ed il bacino del Mediterraneo si apprestano ad essere interessate da un vasto anticiclone che promette di persistere diverse giornate, portando la prima parentesi d'estate dell'annata 2015. Vediamo nel dettaglio.

In primo piano - 1 Giugno 2015, ore 18.00

Le previsioni deterministiche relative alla prima decade di giugno, fanno un ulteriore passo indietro, limitando ancor di più gli episodi di instabilità ipotizzati i giorni scorsi su alcune aree del nostro Paese. In effetti con questi ultimi aggiornamenti, parrebbe scemare la possibilità d'avere una migrazione del "fulcro" dell'alta pressione verso i settori settentrionali europei, l'unico stratagemma che avrebbe potuto agevolare un mantenimento della dinamicità atmosferica sull'Europa meridionale. I massimi anticiclonici andrebbero quindi interessando più direttamente l'area mediterranea, determinando una fase prolungata di tempo stabile, accompagnato da valori termici estivi.

Quanto farà caldo?

Soprattutto inizialmente, la risalita della temperatura sarebbe provocata dall'intervento di una massa d'aria calda di origine oceanica, veicolata sul nostro Paese da una propaggine dell'anticiclone delle Azzorre. L'aria calda arriverebbe quindi dall'Oceano Atlantico, acquistando una componente africana soltanto modesta nel suo percorso dall'oceano all'Europa. Verrebbero pertanto scongiurate le parentesi di calura molto intense di stampo africano.

Il rovescio della medaglia potrebbe essere rappresentato dalla durata dell'anticiclone e dalla mancanza quasi completa per molti giorni consecutivi di un ricambio d'aria. Così facendo, l'atmosfera non sarebbe soltanto soggetta ad un lento ma inesorabile surriscaldamento ma a risentirne sarebbero anche i valori di umidità relativa. Il clima diverrebbe umido ed afoso soprattutto nelle aree pianeggianti e costiere.

Dove potrebbe manifestarsi l'instabilità?

La mancanza di un contributo africano ben radicato alle quote superiori, potrebbe agevolare qualche fenomeno locale di instabilità, anche in assenza di un sistema frontale vero e proprio. Sorvegliati speciali per qualche temporale termoconvettivo, sarebbero le zone interne e montuose. Tali fenomeni sarebbero limitati essenzialmente alle ore pomeridiane. I fenomeni risulterebbero circoscritti nel tempo e nello spazio, limitandosi ad interessare i soli settori montuosi, senza sconfinare nelle pianure o nelle coste.

Per ulteriori novità, seguite i prossimi aggiornamenti.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum