Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Nord-est Europa e Russia: un raffreddamento imminente della temperatura

Una attenuazione della tensione zonale porterá ad un raffreddamento dell'Eurasia che nei prossimi giorni si spingerá sino ai confini dell'Europa occidentale, i modelli deterministici iniziano a vederla?

In primo piano - 9 Novembre 2017, ore 20.10

Nei prossimi giorni il nostro Vortice Polare dovrà fare i conti con i primi flussi di calore il cui obiettivo principale sarà quello di operare un rallentamento generale delle vorticità zonali, quindi nella forza e nella prestanza della corrente a getto occidentale che a sua volta trae origine nell'elevato gradiente in caso di Vortice Polare compatto. Tutti elementi che a quanto pare mancheranno nella circolazione atmosferica del prossimo futuro, nella quale riscontreremo diverse azioni di disturbo che andranno a concretizzarsi alle alte latitudini del nostro emisfero.

Due grandi aree di gelo sono previste rispettivamente sul continente nord americano e sul continente euroasiatico; quet'ultima è la più importante al fine di comprendere quali potrebbero essere le tappe della circolazione atmosferica boreale nel suo inesorabile incedere verso il periodo invernale.

Per adesso l'Europa occidentale resterà un po' a guardare quelli che saranno i movimenti delle masse d'aria fredda sul grande continente Euroasiatico, dove comunque i modelli iniziano a scorgere un raffreddamento che riuscirebbe a spingersi più ad ovest, arrivando a coinvolgere la Penisola Scandinava, la Russia occidentale, i paesi dell'est e forse la Penisola Balcanica.

Il raffreddamento di questa zona d'Europa sarebbe oltremodo favorito dal sopraccitato rallentamento dei flussi zonali, una diminuzione di gradiente che porterebbe in più di un'occasione, flussi di calore verso le latitudini settentrionali dell'oceano Atlantico sin verso la regione polare, operando in tal modo una azione di blocco e, giocoforza, stimolando la grande massa di freddo eurosiatica a retrocedere verso l'Europa.

A quel punto resta da capire QUALE percorso potrebbe essere scelto dall'aria fredda; quest'ultima potrebbe scegliere una via più "settentrionale", riversandosi quindi con moto antizonale (da est ad ovest) dalla Russia al Mar di Norvegia e poi l'oceano nord Atlantico (ipotesi più probabile), oppure un percorso più meridionale, riversandosi direttamente nel cuore d'Europa (ipotesi meno probabile) 

Seguite gli aggiornamenti su METEOLIVE.IT


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum