Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Nord-est e centro-sud, guastino in vista per Natale e Vigilia

Un parziale cedimento del diaframma anticiclonico sul suo bordo orientale permetterà ad un impulso freddo di scivolare il giorno della Vigilia lungo i versanti orientali del nostro Paese per finire poi la sua corsa sul meridione d'Italia nella giornata di Natale.

In primo piano - 20 Dicembre 2011, ore 11.13

Con l'alta pressione pronta a balzare nuovamente in sella al Mediterraneo il Natale avrebbe potuto trascorrere sulle nostre città con un clima dall'insolita mitezza. E infatti su diverse regioni il sole di certo non mancherà, se non che un provvidenziale cedimento del bordo anticiclonico sul suo lato affacciato ad est concederà almeno il passaggio di una debole perturbazione.

La traiettoria del sistema frontale, alimentato da aria polare marittima ma con parziale rimescolamento continenale, andrà a interessare soprattutto i versanti nord-alpini, per poi proseguire la sua corsa lungo i settori adriatici e infine puntare verso il sud. L'interferenza con arco alpino e dorsale appenninica favorirà lo sviluppo e il successivo mantenimento in vita di un piccolo ma insidioso minimo di pressione al livello del mare in viaggio dall'alto Adriatico verso il basso Tirreno. La cronologia degli eventi, così come ci viene propinata dalle attuali simulazioni modellistiche, vedrà le nubi addossarsi alla cresta delle Alpi già nella notte sulla Vigilia. Il nord-ovest e le regioni dell'alto Tirreno verranno invece saltate a piè pari.

La nevicate non tarderanno ad arrivare soprattutto su Valle d'Aosta, alto Piemonte, alta Valtellina e Alto Adige, spingendosi fino a quote comprese tra 800 e 1000 metri, ma in probabile calo fin verso i 400-500. Nella mattinata della Vigilia verranno interessati anche i settori friulani, con fiocchi tra 700 e 900 metri, mentre nel corso della giornata, ad un affievolimento delle precipitazioni lungo la cresta alpina, risponderà un rapido peggioramento su Romagna, Marche e Abruzzo. Qui la neve si spingerà fino a circa 700-800 metri di quota e verrà portata da venti di Bora anche molto intensi, con possibili parziali e intermittenti svalicamenti delle nevicate sui versanti umbri, laziali e campani.

Arriviamo così al Natale: bello al nord, sulle regioni centrali tirreniche e sulla Sardegna, decisamente più movimentato sulle regioni del medio Adriatico e al sud. Qui sono attesi rovesci a carattere sparso, nevosi in Abruzzo fin verso i 600 metri, su Molise, Puglia e Basilicata tra 700 e 800 metri, in Calabria fin verso gli 800 metri e sulla Sicilia tra 1000 e 1200 metri.

Su tutti questi settori un miglioramento è atteso solo nella giornata di Santo Stefano, la quale trascorrerà comunque ancora in compagnia di un clima decisamente ventoso e anche abbastanza freddo per insistenti venti di nord-est. In mappa la traccia delle nevicate attese per Vigilia e Natale. Prognosi comunque da confermare, non perdete i nostri prossimi aggiornamenti.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum