Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Non c'è pace per il nord

Giovedì nuovo intenso peggioramento in arrivo dalla Francia; nubi e fenomeni già in mattinata, a cominciare dal nord-ovest.

In primo piano - 6 Agosto 2008, ore 09.20

Linee di instabilità, perturbazioni e fronti, attività cumuliforme pomeridiana; l'arco alpino sta conoscendo un'estate davvero sopra le righe, sia in termini di quantità di precipitazioni, che di frequenza. Molte volte sono state coinvolte anche le aree pedemontane e spesso anche le pianure, con una maggiore preferenza, come da manuale di meteorologia, per quelle a nord del Po, ergo a ridosso dei monti. D'altronde Ferrarese, Polesine, Mantovano e bassa Padana, Oltrepò Pavese ecc. hanno medie precipitative annue davvero molto basse. Non fanno in tempo a spegnersi i focolai temporaleschi di un pomeriggio, talvolta attardatisi fino alle ore serali ed oltre; che se ne accendono di nuovi già nella tarda mattina. E' un pò quello che avverrà nelle prossime ore, ad iniziare dal nord-ovest. Sarà questa volta un fronte freddo ben organizzato, di quelli che d'estate si contano sulle dita, ad attraversare il nord Italia e parte del centro entro la fine di venerdì, trascinando giù quasi tutta l'umidità e le colonnine di mercurio di tre quarti dell'Italia. Si inizia giovedì dal nord-ovest, con dell’instabilità prefrontale capace di sollevare nubi e scatenare brevi fenomeni a ridosso dei rilievi già dalla tarda mattina. Interessati principalmente alto Piemonte e Val d’Aosta, con parziale coinvolgimento delle Prealpi zona laghi e dell’entroterra ligure. L’instabilità si accentuerà successivamente, grazie al riscaldamento diurno e all’umidità dei bassi strati; ma soprattutto col sopraggiungere del fronte freddo nel pomeriggio-sera. Nelle ore tardo-pomeridiane infatti, l’aria fredda farà il suo ingresso alle quote medio-alte, scavalcando le Alpi occidentali e riversandosi sulla Valpadana. A questo punto la fenomenologia si farà più diffusa, decisamente più intensa e localmente violenta. La forte differenza fra le due masse d'aria a contatto genererà fortissimi moti verticali e tuoni e fulmini la faranno da padrone su tutta la pianura occidentale e a ridosso dei monti. Nel corso della sera e della notte i temporali viaggeranno verso est, ora rinforzandosi, ora collegandosi in strutture più complesse. C'è il serio rischio che si formino supercelle temporalesche, specie tra l'alta pianura piemontese e quella lombarda, con possibilità di nubifragi, grandinate e intensi colpi di vento (leggasi mini-trombe d'aria). Grande prudenza dunque, da giovedì pomeriggio e per tutta la sera e la notte su venerdì. Nella mattinata e successive ore del giorno, ritroveremo i fenomeni sull'alta Lombardia in viaggio verso est; ma la loro potenza potrebbe rimanere immutata.

Autore : Giuseppe Tito

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum