Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

News della domenica: ritorna un po' di anticiclone ma...

Conclusa la parentesi di freddo indirizzata alle regioni centro-meridionali nella prima parte della settimana, da mercoledì 11, l'alta pressione proverà ad influenzare in modo più deciso il tempo atmosferico dell'Europa centrale e dell'Italia. La sua struttura tuttavia non convince troppo e potrebbe vacillare in più di un'occasione.

In primo piano - 8 Febbraio 2015, ore 19.30

Nelle prossime ore i settori italiani meridionali, verranno interessati da una nuova irruzione d'aria fredda che in questo caso avrà come obiettivo principale, i settori del medio e basso adriatico. Il grosso dell'irruzione d'aria fredda si abbatterà sulla penisola Balcanica, la Grecia ed il mar Egeo, l'Italia ne verrà soltanto lambita, sperimentando soltanto una breve parentesi di freddo ed instabilità.

In seguito è atteso l'intervento abbastanza brusco dell'anticiclone che andrà estendendosi senza troppi problemi sino ai settori centrali europei. Anche il Mediterraneo centrale e l'Italia verranno coinvolti dall'alta pressione prevista distendersi sul nostro territorio tra mercoledì 11 e giovedì 12. Il flusso d'aria fredda da nord-est, andrà smorzandosi abbastanza rapidamente anche sul Mezzogiorno, mentre sulle regioni settentrionali e la Sardegna, il raffreddamento previsto tra domani, lunedì 9 febbraio e martedì 10, verrà avvertito in modo leggero.

Successivamente una nuova perturbazione si affaccerebbe sul nostro Paese dai quadranti occidentali. Quest'ultima soltanto dal weekend (sabato 14 - domenica 15) riuscirebbe a coinvolgere in modo più deciso l'Italia, determinando una nuova, modesta flessione delle temperature e l'arrivo di alcune precipitazioni, nevose a quote non troppo alte.

Tale evoluzione viene confermata anche dal modello europeo che questa sera ribalta la propria previsione relativa al medio termine. L'aggiornamento di questa mattina infatti, proponeva l'arrivo di una fase anticiclonica più tenace ma questa linea di tendenza è stata ritrattata a favore di un proseguimento dell'instabilità anche nella seconda decade di febbraio. Analogamente con quanto previsto dal modello americano, l'anticiclone interesserebbe l'Italia segnatamente nelle giornate di mercoledì 11 e giovedì 12, lasciandoci in seguito sotto mira di una nuova perturbazione prevista sabato 14.

Condizioni di tempo instabile si rinnoverebbero anche per le giornate successive, attraverso il mantenimento di un canale depressionario che dal Regno Unito agevolerebbe l'ingresso di sistemi nuvolosi dalla porta di Carcassona e dalla Valle del Rodano in direzione del Mediterraneo centro-occidentale.

L'anticiclone delle Azzorre, dalla sua posizione arroccata in Atlantico, agevolerebbe ed a tratti interromperebbe il flusso d'aria fredda nord-atlantica diretto al Mediterraneo. Saranno pertanto possibili anche in futuro, giornate di tempo buono nei momenti in cui l'alta pressione tenderà a distendersi lungo i paralleli d'Europa, fasi più instabili quando l'anticiclone andrà ritirandosi sull'oceano.


 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum