Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

NEWS dall'Antartide: scioglimenti e glaciazioni sono sempre avvenuti!

Emergono i primi dati dalle perforazioni in Antartide nell'ambito del progetto Andrill il cui scopo è quello di chiarire i misteri delle glaciazioni e l'andamento del paleoclima terrestre.

In primo piano - 11 Maggio 2007, ore 11.29

Negli ultimi milioni di anni i ghiacci delle calotte e piattaforme galleggianti dell'Antartide hanno avuto un comportamento climatico sorprendentemente dinamico, caratterizzato da ritiri e avanzamenti. E' quanto emerge dai primi risultati della perforazione del programma Andrill (Antarctic Geologic Drilling), un ambizioso progetto di ricerca internazionale nato per iniziativa di Italia, Stati Uniti, Nuova Zelanda e Germania allo scopo di comprendere la storia dei cambiamenti climatici. Questa scoperta presenta risvolti pratici assai significativi dato che l'Antartide, uno dei motori climatici del Pianeta, contiene circa il 70% dell'acqua dolce di tutta la Terra, in forma di ghiaccio, il cui scioglimento, anche parziale, comporterebbe l'innalzamento del livello marino globale. Il nostro Paese partecipa al programma Andrill con 1,5 milioni di euro (il 20% della quota totale), attraverso il Programma nazionale di ricerca in Antartide (Pnra), un consorzio che riunisce Cnr, Enea, Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) e Università. "Durante l'estate australe 2006-2007 è stato perforato il primo dei pozzi previsti nella piattaforma di ghiaccio di Ross (MIS Project drillhole), non lontano dalla base americana McMurdo", spiega Marco Taviani, dell'Istituto di scienze marine (Ismar) del Cnr, che partecipa al progetto in qualità di macropaleontologo. Nel sito di perforazione la piattaforma di ghiaccio ha uno spessore di circa 85 metri e galleggia su un mare profondo 850 metri. Tanta, quindi, è stata la distanza da percorrere prima di incontrare il fondale da carotare. La trivella, avanzando alla velocità di 50 metri al giorno, ha raggiunto la profondità record di 1.284,87 metri con un recupero di sedimenti e rocce spesso del 100%. "Secondo le prime interpretazioni del team di ricerca coordinato da Tim Naish e Ross Powell", prosegue Taviani, "le carote prelevate hanno dimostrato che negli ultimi 5 milioni di anni la calotta glaciale antartica si è espansa e ritirata per circa 50 volte a seguito di cause naturali". Il pozzo Andrill MIS fornisce dunque una documentazione di grande dettaglio dell'evoluzione geologica e climatica dell'Antartide negli ultimi milioni di anni. In prospettiva contribuirà certamente a comprendere meglio i meccanismi di formazione e scioglimento delle calotte polari e, dunque, delle variazioni climatiche e del livello marino nel nostro Pianeta. La seconda fase del progetto inizierà a ottobre 2007 con la perforazione del sito SMS che permetterà di aprire nuove finestre sull'evoluzione di questo spettacolare continente.

Autore : Luca Savorani - Fonte Cnr

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.07: Roma Viale dei Monfortani

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente sulla Viale dei Monfortani in direzione Via di Torrevecchia..…

h 10.05: A1 Milano-Bologna

coda incidente

Code per 5 km causa incidente nel tratto compreso tra Parma (Km. 110,4) e Reggio Emilia (Km. 138,2..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum