Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

News dal modello americano: novembre 2014 si preannuncia un mese molto piovoso

Diamo uno sguardo all'ultimo aggiornamento del modello americano GFS; avremo o no una tregua alla pioggia ed al maltempo che in questi giorni attanaglia lo stivale italiano? Una pausa precipitativa interverrà durante il fine settimana ma la tendenza generale rimane improntata al tempo instabile. Vediamo nel dettaglio.

In primo piano - 6 Novembre 2014, ore 18.00

Siamo giunti ormai al cuore della stagione autunnale, non deve stupirci più di tanto la presenza di intensi rovesci di pioggia a sferzare il nostro già martoriato territorio italiano. In questo periodo dell'anno infatti, l'avanzamento della stagione tende ad amplificare quelli che sono gli scambi termici tra differenti tipologie di masse d'aria che inevitabilmente portano alla formazione di fronti e perturbazioni dirette anche alle latitudini meridionali d'Europa. La presenza di calore residuo dall'estate, fornisce da elemento catalizzatore alla formazione di intense manifestazioni temporalesche, in questo periodo mediamente più frequenti rispetto ad altri periodi dell'anno. 

Tuttavia l'elemento anomalo ed abbastanza preoccupante di questi anni, risiede proprio nel grande (più grande che in passato) accumulo di calore conservato nella nostra atmosfera durante la stagione autunnale: laddove nei decenni passati questa calura veniva dissipata con grande velocità, queste annate "made 2000" sembrano facilitare la preservazione di calore in eccesso che spesso e volentieri viene sfogato con eventi temporaleschi di grande portata.

Non fa eccezione questo scorcio di autunno 2014 che risulta pesantemente influenzato dalla presenza in ambito europeo di due figure bariche antagoniste: la prima è rappresentata dalla saccatura continuamente alimentata da aria polare-marittima, arroccata col proprio asse sull'Europa occidentale, la seconda è rappresentata dall'anticiclone che persiste sull'Europa orientale e relativa porzione di mar Mediterraneo. Trovandosi nel mezzo, l'Italia risulta investita da un letto di correnti tendenzialmente meridionali, talvolta di estrazione molto profonda, la quale mette in gioco grandi masse di umidità, linfa vitale per fenomeni alluvionali, temporali e nubifragi.

Relativamente all'evoluzione atmosferica attesa nei prossimi giorni, questa situazione non pare subire grosse variazioni di rilievo
; esaurita la parentesi di forte instabilità che tra domani, venerdì 7 novembre e sabato 8, interesserà i settori di mezzogiorno, lo stivale italiano assisterà ad una relativa tregua al maltempo nel fine settimana. La giornata migliore, domenica 9 novembre, avrà tuttavia vita breve e sarà seguita dall'arrivo di nuova pioggia a partire dai settori nord-occidentali italiani già nel corso di lunedì 10.

L'azione di blocco esercitata dall'anticiclone posto sull'Europa orientale, rallenterà ancora una volta l'avanzamento della perturbazione verso il resto d'Italia. Questa evoluzione viene confermata anche dagli ultimi aggiornamenti del modello americano, che pongono tra lunedì 10 e martedì 11 novembre, una situazione barica foriera di piogge molto abbondanti sui settori investiti alla ventilazione meridionale, in questo caso parrebbero essere più esposte le regioni Liguria e Toscana.

Tra mercoledì 12 e giovedì 13 la depressione riuscirà a spingersi verso le regioni meridionali, laddove ci attendiamo una nuova passata di rovesci e temporali che potrebbero risultare localmente intensi, un relativo miglioramento del tempo (cieli nuvolosi ma senza pioggia) si affaccerà sulle regioni settentrionali. Spingendoci su distanze previsionali ancor più lunghe, un pattern circolatorio ormai consolidato che prevede l'asfissiante presenza di una depressione sull'ovest Europa e la persistenza di moderati anticicloni posti ad est dell'Italia, potrebbe favorire ulteriori episodi precipitativi.

Dalla seconda metà del mese potremo incorrere in un maggiore contributo di aria fresca nord-atlantica. Evento da imputare (forse) alla definitiva rottura del blocking altopressorio sull'Europa orientale.

Novembre comunque pare riconfermarsi il mese della pioggia per eccellenza, durante questa prima metà del mese ne avremo con tutta probabilità un'egregia dimostrazione
.
 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.38: A24 Roma-Teramo

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Vicovaro-Mandela (Km. 33,1) e Carsoli-Oricola (Km. 50,5) in dir..…

h 02.33: A1 Firenze-Roma

problema

Mezzi spargisale in azione nel tratto compreso tra Arezzo (Km. 358,5) e Fabro (Km. 428) in entram..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum