Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Nevicate di lunedì al nord: l'incastro dei venti e lo Scirocco "mescolato" e "stoppato"...

Sarà anche e soprattutto un gioco di correnti. Osserviamo cosa accadrà al suolo.

In primo piano - 8 Febbraio 2013, ore 12.43

La super nevicata di lunedì finirà in pioggia sulle pianure? Non per tutti.
Probabilmente sul nord-ovest sino alla "linea" dell'Adda e sino a martedì mattina si potrebbe vedere solo neve, specie qualora vi fosse una ritornante, inoltre tra martedì sera e mercoledì mattina sempre su queste zone si potrebbe assistere ancora a piogge miste a neve.

Altrove il limite critico, il punto di non ritorno, potrebbe arrivare già dal mattino di lunedì sulla Romagna senza nemmeno aver visto un fiocco, estendendosi nel pomeriggio a basso Veneto, Emilia orientale, coste friulane e giuliane, mentre sulla media pianura veneta e friulana e sino al Bresciano potrebbe accadere nella serata di lunedì, ma qui entriamo in un campo "minato". Perchè?

Se è abbastanza difficile che il ventaccio mite da est irrompa sino a Milano, cioè vada oltre l'Adda, bisogna tener conto che questa volta potrebbe non essere così mite, perchè inizialmente proprio questo vento orientale risulterà freddino, pescando ancora dai Balcani e persino dalle fredde vallate alpine e solo dal pomeriggio si "mescolerà" in parte con lo Scirocco, ma probabilmente senza poi riscaldarsi tanto.

Dunque tutta la Lombardia e parte dell'alto Veneto potrebbero continuar a veder nevicare intensamente, a meno che non "salti" qualche strato alle quote intermedie. Ad esempio il 7 gennaio 2009 lo Scirocco fece danni a 700m, trasformando la neve in pioggia abbastanza rapidamente sino a Milano.

Interessante anche la situazione in Liguria con il Ponente e poi parte del Genovesato sino a Genova favorito dalla Tramontana scura, più ad est forte sciroccata con convergenza proprio lungo una linea mare-Voltri-Pegli-Genova, laddove potrebbero attivarsi forti nuclei temporaleschi a carattere nevoso per tutta la notte su lunedì. 
 
Andiamo con ordine rispetto alle 3 mappe postate:
1 siamo alle prime ore di lunedì, nella notte: notate la tramontana scura in Liguria a stretto contatto con lo Scirocco, convezione stimolata, al nord entra un debole e freddo vento da est, in rinforzo, lo Scirocco è ancora in pieno Adriatico.

2 siamo alle ore centrali di lunedì, ecco la corrente da est che rinforza ma che è ancora relativamente fredda nei bassi strati, lo Scirocco entra più convinto sull'alto Adriatico e si mescola all'aria richiamata da Alpi e Balcani.

3
siamo alla sera di lunedì: lo Scirocco non sfonda oltre il Milanese orientale, ci prova un po' anche a ridosso delle Prealpi e ricade sottoforma di debole vento da nord sin sulle pianure, ma senza influenzare troppo le termiche. Perchè non sfonda più ad ovest lo Scirocco? Perchè tutta la neve caduta sto formando il classico effetto "freezer" e l'aria mite, più leggera, viene "stoppata" e al massimo scorrerà sopra, ma senza intaccare lo zero termico.

Nelle ore successive il vento virerà con tutta probabilità ad ovest su Piemonte e Lombardia, preservando lo strato freddo isotermico anche sino a gran parte di martedì, altrove ad est invece la colonna risulterà complessivamente rovinata, tranne nelle vallate alpine. Ma per questi dettagli c'è tempo, incombe la SUPER NEVICATA!


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum