Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

NEVE in pianura entro metà mese: ecco quante possibilità ci sono!

E' un incastro solo apparentemente semplice quello che dovrebbe concretizzarsi per realizzare il primo progetto nevoso stagionale sulle pianure del nord. In realtà qualcosa potrebbe andare storto, ecco perché.

In primo piano - 3 Dicembre 2019, ore 09.39

Lo scriviamo ormai da giorni: dopo l'Immacolata, a cavallo della metà di dicembre, il nord potrebbe assistere alla prima spruzzata di neve sino in pianura. Il condizionale è d'obbligo perché gli schemi barici che descrivono oggi (ma anche ieri) i modelli sono abbastanza confusi proprio nel passaggio chiave.

In pratica tra il giorno dell'Immacolata e lunedì 9 dicembre si attiveranno sulla nostra Penisola correnti da nord-ovest tali da determinare una moderata flessione delle temperature e l'ingresso di aria più secca.

Un freddo moderato e secco ma sufficiente per generare il primo "cuscino freddo" stagionale sulle pianure del nord.

Fin qui sembra tutto abbastanza chiaro e anche molto attendibile. Il passaggio chiave è però quello successivo. Con il fronte polare in progressivo abbassamento di latitudine, non si capisce se le correnti ruoteranno rapidamente da sud ovest (e in questo caso la neve arriverebbe facilmente) oppure se la manovra per cominciare a far transitare i mini vortici perturbati in arrivo dall'Atlantico sarà preceduta da una fase di venti umidi e miti da ovest, tale da rimuovere lo strato freddo sul catino padano, come si nota qui sotto:

In questo caso sarebbe la pioggia a prevalere alle basse quote. In questo momento la manovra sembrerebbe quella di un attaccante "spalle alla porta" che non riesce a liberarsi del difensore se non con una manovra lenta, macchinosa e prevedibile, che poi finirebbe per edulcorarne l'eventuale conclusione.

Ci sono ovviamente anche scenari che valutano come REPENTINO questo avvicendamento delle correnti e in questo caso venerdì 13 la neve potrebbe presentarsi anche in Valpadana, come si nota dalla mappa qui sotto:

E per il resto d'Italia? il raffreddamento, almeno per le regioni centrali, dovrebbe avvenire dopo il passaggio perturbato del 13, in modo da preparare eventi nevosi a quote basse in Appennino dopo la metà di dicembre, ma qui stiamo correndo troppo, è necessario attendere.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum