Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Nella stagione "calda" i temporali marittimi perdono di importanza: come mai?

Cerchiamo di capire come mai in estate (o nella tarda primavera) le piogge ed i temporali si concentrano soprattutto nelle zone interne, lasciando spesso "indenni" le coste.

In primo piano - 10 Giugno 2010, ore 11.08

Provate a fare un bagno in mare nel mese di giugno! Indubbiamente l'aria può essere calda, anche con temperature superiori a 25°.

Entrando in acqua, però, ci rendiamo conto che la sensazione non è delle più piacevoli. Un brivido di freddo ci coglie quasi impreparati ed il lungo e rilassante bagno che si sperava di fare si riduce subito ad una toccata e fuga! Nella tarda primavera e all' inizio dell'estate, quindi, l'acqua del mare è ancora fredda, nonostante le temperature esterne siano già da canottiera e costume. Come mai accade ciò? Semplicemente perchè un paio di belle giornate di sole non bastano per scaldare uno specchio d'acqua vasto come il Mediterraneo.

Il potere dell'acqua di trattenere il caldo o il freddo (ovvero l'inerzia termica) è assai più elevato rispetto a quello della terraferma. Se per scaldare un pezzo di roccia basta una giornata di sole, per rendere caldo uno specchio d'acqua serve molto più tempo.

I moti verticali dell'atmosfera che generano i temporali hanno bisogno di calore. L'aria calda è più leggera di quella fredda, di conseguenza tende a sollevarsi. Da questo sollevamento prendono vita i rovesci o i temporali che spesso interessano la nostra Penisola nel periodo estivo.

Se il substrato (ovvero la superficie dove dovrebbero partire i moti verticali) risulta freddo (come il mare ad inizio estate), è palese che i moti verticali stessi risultino inibiti e assai poco probabili. Per la terraferma, invece, il discorso si inverte: il substrato si scalda subito, al primo sole! Basta quindi un po' di instabilità atmosferica che subito i moti verticali dal basso risultano attivi. In una giornata calda di inizio estate, quindi, sarà assai più facile vedere fiorire un temporale nelle zone interne (substrato sottostante caldo), rispetto al mare ( substrato sottostante freddo). Ecco il perchè le zone interne, d'estate, sono sempre più battute dai temporali rispetto ai settori costieri.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.17: A10 Genova-Ventimiglia

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Genova Voltri (Km. 10,7) e Arenzano (Km. 20,2) in entrambe le dir..…

h 00.17: A7 Milano-Genova

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra Serravalle Scrivia (Km. 84,5) e Isola Del Cantone (Km. 100,7)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum