Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Nell'Artico ora preoccupa anche la riduzione del ghiaccio invernale

Se il fenomeno continuerà, i primi a esserne colpiti saranno gli orsi polari.

In primo piano - 18 Settembre 2006, ore 12.32

La rivista Le Scienze riporta questi giorni uno studio della Nasa e pubblicato sulla rivista “Geophysical Research Letters". Nel 2005 e nel 2006, l’estensione del ghiaccio invernale era di circa il 6 per cento inferiore della quantità media degli ultimi 26 anni. Ma quel che più colpisce è la diminuzione a lungo termine di quasi il 2% per decennio nella copertura invernale. I ricercatori sanno da molto tempo che l’aumento delle temperature sta causando una fusione sempre maggiore durante i mesi estivi nell’emisfero settentrionale, con riduzioni della copertura glaciale da record nelle ultime quattro estati. Josefino Comiso della Cryospheric Sciences Branch della NASA di Greenbelt, nel Maryland, ha utilizzato dati delle osservazioni satellitari effettuate fin dal 1979 per mostrare come durante la stagione invernale ritorni allo stato solido una quantità di acqua sempre minore. “Si tratta della più lampante prova del riscaldamento globale che è possibile osservare nell’Artico”, ha spiegato Comiso in una conferenza stampa tenutasi nei giorni scorsi. “Se continuerà il ritiro del ghiaccio invernale, gli effetti saranno profondi, specialmente per gli animali che vivono in questo habitat. Gli orsi polari, per esempio, utilizzano i lastroni galleggianti per cacciare e saranno i primi a essere colpiti dal fenomeno.” Secondo le stime la popolazione di orsi polari nella Baia di Hudson, in Canada, è diminuita del 21 per cento dal 1989 al 2004. Report dal settimanale on-line Le Scienze.it

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum