Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

NATALE 91: quando la VIOLENZA del GETTO portò la neve a valicare le Alpi di forza (muro del foehn "lungo)

Memorabili quei giorni a sud delle Alpi. Riviviamoli insieme.

In primo piano - 17 Novembre 2008, ore 10.11

Un anticiclone ostinato che non voleva mollare la presa, come successe spesso tra il 1988 e il 95, e le perturbazioni costrette a scorrere sfruttando una striscia di territorio strettissima tra l'Europa centrale e l'Italia, tuffandosi oltralpe da nord-ovest con la benedizione della corrente a getto: questo lo scenario del Natale 91, a cui seguì un gennaio molto secco ed anticiclonico. Così si verificarono condizioni meteorologiche eccezionali tra il 22 e il 24 dicembre 1991. Un fronte caldo accompagnato da aria molto umida riuscì a portare precipitazioni anche per molti km oltre lo spartiacque alpino (anche oltre 100km), nonostante il gradiente barico parlasse chiaro: FAVONIO! Ma, come detto, non fu così. Il fronte caldo trovò un debole cuscino freddo ad attenderlo nelle vallate alpine e così la neve cadde anche a quote collinari tra il 22 e il 23 dicembre: neve forte la ritroviamo ad esempio a Bellinzona, in Ticino ma anche a Fiera di Primiero e su lungo tutta la Val Cismon sino a San Martino di Castrozza, tanto per fare qualche esempio e poi fiocchi abbondanti su tutto l'Alto Adige, anche a Vipiteno. La mattina del 23 il fronte caldo era passato ma lo stau continuava a debordare oltralpe per molti km portando il muro del Foehn ad entrare in azione solo lungo la fascia pedemontana e prealpina. Si mise a soffiare allora un forte Favonio scuro con la pioggia a sostituire la neve sino a 1600-1700m, si salvarono solo le località più elevate. A San Martino, 1500m circa, la neve caduta si sciolse "drammaticamente" nell'arco di sole 12 ore di pioggia battente. Al Rolle i fiocchi, pur bagnati, continuarono a cadere fino a sera. Poi il Foehn divenne chiaro e il tempo migliorò ovunque. Gli scherzi delle correnti da nord, quando sono soggette a velocità del genere, cosa che avviene soprattutto nel periodo compreso tra la metà del dicembre e i primi di gennaio, quando il Vortice Polare è al massimo della vigoria, può determinare queste situazioni. Difficile invece che si formino depressioni sul ligure, per questo ci sarebbe bisogno di un rallentamento più vistoso del getto e di una conseguente maggiore ondulazione delle correnti. La presenza dell'alta pressione, paffuta poco più ad ovest del Continente certo non aiuta una simile evoluzione.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum