Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Modello europeo: un treno di perturbazioni in arrivo dall'oceano Atlantico

A seguito della forte ondata di freddo relativa a questi giorni, si apriranno di gran carriera i flussi umidi provenienti dall'oceano, le prospettive sono di un tempo tutt'altro che stabile.

In primo piano - 27 Febbraio 2018, ore 21.45

Tra giovedì e venerdì, un sistema frontale di tipo caldo, attraverserà il nostro Paese, apportando su buona parte delle nostre regioni, un rialzo sensibile delle temperature. Nell'ambito delle nostre regioni settentrionali, l'aria umida di origine mediterranea si troverà a transitare sopra un abbondante cuscino d'aria gelida lasciato in eredità dai flussi continentali che hanno interessato l'Europa in questo scorcio di fine inverno, portandovi neve sino a quote pianeggianti.

La perturbazione del prossimo giovedì, sancirà quindi un passaggio di consegne piuttosto repentino tra due circolazioni differenti: il freddo crudo invernale batterà velocemente in ritirata, ne prenderà il posto l'aria più temperata ma assai umida veicolata da flussi di correnti occidentali in un contesto depressionario. 

Lo scenario prospettato dal modello europeo a medio e lungo termine, resta anch'esso saldamente ancorato ad una condizione di tempo molto dinamico ed instabile, nel quale le correnti oceaniche tornerebbero ad imporsi con decisione sulla scena.

Alla conclusione delle grandi ondate di freddo, l'evoluzione che ci apprestiamo a vivere si è verificata diverse volte anche in passato, portandovi " l'eco" di una circolazione che risentirà ancora per lungo tempo dello sconquasso sinottico che si è verificato sull'Europa nell'ultima decade di febbraio.

L'aria gelida continentale abbandona l'Europa ad un fronte polare che continuerà a restare molto basso di latitudine anche nei prossimi giorni, una generosa alimentazione d'aria fredda sarà indirizzata ad una vasta e complessa circolazione depressionaria allungata dall'oceano Atlantico ai settori centrali e settentrionali europei.

Quindi alle elevate latitudini, i venti saranno ancora di tipo antizonale (da est verso ovest), mentre sul Mediterraneo soffieranno altrettanto decisi dai quadranti occidentali. 

In sintesi, poco anticiclone sul tempo del prossimo futuro, molta instabilità e molte nubi in un contesto ventilato e mite. Le maggiori chances di pioggia sarebbero indirizzate alle regioni del nord e lungo i versanti tirrenici. 

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.01: A14 Pescara-Bari

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra San Severo (Km. 528,6) e Foggia (Km. 554,1) in entrambe le di..…

h 02.01: A24 Roma-Teramo

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Vicovaro-Mandela (Km. 33,1) e Teramo (Km. 158,7) in entrambe le d..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum