Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Modello europeo: tra anticiclone ed instabilità

Il nuovo aggiornamento mattutino del prestigioso centro di calcolo con sede a Reading (UK) rimescola nuovamente le carte in tavola, proponendo ancora della marginale instabilità per le regioni settentrionali ma anche qualche buona notizia portata dall'anticiclone.

In primo piano - 21 Agosto 2014, ore 10.30

Che siano tempi di "vacche magre" per l'alta pressione, lo si era già capito da diverse settimane; la recidiva latitanza degli anticicloni sul Mediterraneo anche nel pieno dell'estate trovano risposta, come più volte abbiamo ripetuto, nella posizione delle fasce altopressorie subtropicali che quest'anno sono risultate collocate in posizione più meridionale rispetto alla media delle scorse estati. Tuttavia, come vi avevamo anticipato, la circolazione generale atmosferica potrebbe subire delle sostanziali modifiche proprio in corrispondenza del cambio stagionale, abbandonando così i vecchi standard della circolazione estiva per evolvere in qualcosa di nuovo.

Un cambio di circolazione atteso atteso al passaggio di consegne tra una stagione e l'altra, non necessariamente deve essere visto come cambiamento in negativo; nel passato sono stati anche abbastanza numerosi i casi in cui stagioni estive molto instabili e perturbate sono state seguite da stagioni autunnali con maggiore predominanza anticiclonica, elemento su cui avremo modo di discutere approfonditamente nel corso dei prossimi giorni.

Nel frattempo limitiamoci a commentare l'aggiornamento mattutino del modello inglese che, seppur ancora con una forte incertezza previsionale di fondo, pare alla ricerca di quello che potrebbe essere proprio il famigerato cambio di circolazione estate --> autunno che vi abbiamo appena descritto. Sulle medie distanze temporali il nuovo aggiornamento persiste nella sua visione d'estate disturbata da impulsi d'instabilità circoscritti soprattutto sulle regioni settentrionali. Volgendo lo sguardo a lungo termine regala enfasi ad una rimonta dell'anticiclone delle Azzorre che, se riuscisse ad entrare in Europa con queste modalità, avrebbe tutte le carte in regola per resistere almeno una decina di giorni e forse anche di più, regalando finalmente una battuta d'arresto all'atlantico furente ed autoritario di queste settimane.

Ipotesi azzardata quella del modello europeo, al momento non trova riscontro nella linea di tendenza emessa dal centro di calcolo americano, propenso ad una zonalità furibonda proprio entro la prima decade di settembre, con intensi temporali autunnali in arrivo per il centro ed il nord Italia.

Seguite gli aggiornamenti.
 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum