Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

MODELLO EUROPEO: interludi d'anticiclone ma anche fasi instabili di stampo artico o polare marittimo

Tradizionale appuntamento serale con l'aggiornamento del modello europeo; ecco cosa bolle in pentola.

In primo piano - 10 Novembre 2017, ore 21.30

Con buona pace per gli amanti degli scenari invernali più estremi, scompare dal cilindro delle previsioni a medio e lungo termine, l'interferenza delle masse d'aria molto fredde di origine artico-continentale sull'Europa, ma forse era troppo prematuro sperare che tali scenari potessero riguardarci in prima persona già nella terza decade di novembre, certo in passato queste dinamiche avevano a volte un esordio precoce ma ai giorni nostri, in tempi di Global Warming galoppante, dobbiamo ragionare con un metro di paragone differente. 

Ecco quindi servita su un piatto d'argento, una circolazione che nella seconda e terza decade di novembre resterà un po' una via di mezzo tra proporre scenari di tempo instabile e scenari di alta pressione. In linea generale il modello europeo conferma una circolazione ondulata nella quale verrebbero messe in gioco masse d'aria di origine polare-marittima oppure di origine artica sul Mediterraneo, ne conseguirebbe una circolazione atmosferica certamente movimentata ma senza grandi ouverture di maltempo. 

Le maggiori chances di pioggia torneranno nuovamente a premiare le regioni di Mezzogiorno, e non potrebbe essere altrimenti, siccome l'Europa occidentale vedrà un rinforzo dell'alta pressione che obbligherà i centri depressionari sul Mediterraneo, a mantenere una posizione decisamente orientale.

Spingendo il nostro sguardo a lungo termine, il modello europeo continua tuttavia a sposare la tesi di un'evoluzione instabile, laddove le onde di Rossby sarebbero amplificate e vi sarebbe un incremento generale dei flussi di calore diretti verso il polo. Un grande affondo d'aria fredda artica si prefigura a cavallo tra il termine della seconda e l'esordio della terza decade di novembre. (da confermare)

Seguite gli aggiornamenti su METEOLIVE.IT


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum