Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

MODELLO EUROPEO: due passaggi PERTURBATI nella prima decade di novembre

La nuova linea di tendenza messa in luce dall'aggiornamento del modello europeo, pone risalto a due distinte perturbazioni che potrebbero avvicendarsi nella scena del palcoscenico atmosferico italiano. Vediamo nel dettaglio la nuova linea di tendenza.

In primo piano - 1 Novembre 2017, ore 21.25

Sembrerebbe proprio che questa prima decade di novembre possa portare alla luce dinamiche atmosferiche che erano rimaste sopite nella scorsa mensilità di ottobre, in gran parte influenzata da una forte ingerenza degli anticicloni alle latitudini meridionali d'Europa. A livello sinottico, la prima perturbazione apripista sul Mediterraneo centrale in occasione del prossimo weekend, spianerà la strada ad una circolazione secondaria di venti nord-occidentali freschi ed instabili che avranno come meta preferenziale, il bacino centro-occidentale del Mediterraneo. 

Allo stato attuale degli aggiornamenti, possiamo identificare ben DUE distinti passaggi perturbati occupare la nostra penisola; il primo di questi due, già abbondantemente descritto nei nostri redazionali, terrà impegnati i cieli italiani tra sabato 4 novembre e lunedì 6, seguito da una riduzione della temperatura che si farà sentire con particolare decisione sulle regioni settentrionali.

Una seconda perturbazione ricalcherebbe il percorso della prima, approcciando al bacino centrale del Mediterraneo tra mercoledì 8 e venerdì 10 novembre. In questo caso si farebbe sentire in modo più deciso l'influenza delle masse d'aria fredde di origine polare-marittima sul Mediterraneo e sull'Europa, con valori termici particolarmente frizzanti al nord e sui bacini occidentali.

A livello sinottico europeo, la circolazione atmosferica continuerà ad essere influenzata da un Vortice Polare tendenzialmente compatto, anche se in questo frangente "più permissivo" proprio nei confronti del nostro continente europeo, il quale potrebbe a tutti gli effetti approssimarsi a vivere un periodo più dinamico. In linea generale l'andamento delle temperature risulterebbe in media col periodo stagionale in atto, l'anticiclone delle Azzorre resterebbe almeno temporaneamente confinato sull'oceano Atlantico, senza più interessare il nostro continente. 

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum