Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

MODELLO AMERICANO: un cambiamento del tempo nella prima decade di gennaio?

Una nuova strada tracciata dai modelli di previsione alle lunghe distanze previsionali: vediamo di che si tratta.

In primo piano - 23 Dicembre 2016, ore 18.30

Spingendo il nostro sguardo alla prima decade di gennaio, scorgiamo quest'oggi alcuni movimenti interessanti delle figure bariche in ambito emisferico; movimenti che poggerebbero radici nella ripresa di una cosiddetta "attività d'onda" sull'oceano Atlantico. Stiamo in buona sostanza parlando dell'anticiclone delle Azzorre che, in virtù di un nuovo riassetto del Vortice Polare in troposfera, non avrebbe più come obiettivo preferenziale le lande del Mediterraneo bensì le latitudini settentrionali dell'oceano.

Ne potrebbe quindi derivare un nuovo raffreddamento della temperatura sull'Europa ad opera di fredde correnti artiche; tale situazione porterebbe con sè una riduzione della temperatura che dapprima si farebbe sentire sulla Penisola Scandinava e sul nord della Russia per poi trasferirsi alle medie latitudini d'Europa e persino sul Mediterraneo.

Dubbi, rischi ed incertezze in una previsione di FREDDO a LUNGO termine. 


La lunga distanza previsionale che ancora ci separa dall'evento, induce noi previsori di Meteolive ad una certa cautela; i nuovi aggiornamenti potrebbero infatti apportare una modifica nella portanza e nell'intensità dell'onda anticiclonica sull'oceano Atlantico, venendo così ridotta la bontà dell'affondo freddo sul continente. Inoltre non può essere esclusa a priori una vera e propria ritrattazione previsionale, il proseguimento ad oltranza di una fase stabile di tipo zonale rimane quindi un'ipotesi da non escludere.

Volgendo lo sguardo alla sovrastante fascia stratosferica, potremo infine osservare un forte raffreddamento della temperatura con l'avvicinamento dei valori sino alla fatidica "Soglia del NAM", un evento che di fatto potrebbe influenzare la sottostante fascia troposferica, avviando un periodo cosiddetto di "precondizionamento". La partita dell'inverno potrebbe quindi decidersi in questa sede e gli amanti della stagione fredda dovrebbero vivamente augurarsi che tale raffreddamento della stratosfera non riesca a propagarsi verso la troposfera. In caso contrario potremo ufficializzare la dipartita dell'inverno a favore della mitezza oceanica.

A presto per nuove news. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 11.22: A90-GRA Casilina-Appia

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo 18: SS6 Via Casilina (Km. 37,..…

h 11.19: A4 Milano-Brescia

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Barriera Di Milano Est (Km. 140,3) e V..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum