Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

MODELLO AMERICANO: la circolazione atmosferica continua a funzionare a "compartimenti stagni"

Ciascuna figura depressionaria ferma alle proprie posizioni originarie, scarsa mobilità della circolazione atmosferica con schemi atmosferici che di conseguenza tenderanno ad essere ripetitivi.

In primo piano - 26 Settembre 2017, ore 17.00

Dagli aggiornamenti odierni, sparisce completamente ogni apertura verso il nuovo, la circolazione atmosferica resta adagiata su di uno standard che ripercorre gli stessi schemi, senza soluzione di continuità, non se ne vede la fine e neanche si riesce a percepire per quale motivo tale circolazione dovrebbe cambiare a favore di un nuovo schema. In buona sostanza stiamo parlandovi di una circolazione, sempre la stessa da molti mesi, che mette in relazione una ostinata resistenza dell'anticiclone sui settori ovest europei con le correnti instabili, siano esse di origine artica che di origine oceanica, costrette a riversarsi sul Mediterraneo seguendo una traiettoria prettamente settentrionale.

Nei primi giorni di ottobre sembrava potesse esservi almeno in parte uno stravolgimento di circolazione ma quest'oggi i modelli tornano in modo deciso sui loro passi, proponendo un film già visto, un comportamento che da inusuale sta diventando ormai tipico. Nel redazionale odierno l' abbiamo definita come "circolazione atmosferica che funziona a compartimenti stagni", in cui ciascuna figura barica occupa la propria posizione originaria, senza subire grosse trasformazioni, nè compiere grandi spostamenti.

Il passaggio di consegne tra l'estate e l'autunno ormai non si verifica più attraverso il ribasso del Fronte Polare dall'oceano Atlantico ai settori occidentali europei, come invece succedeva diversi anni or sono, il cambio di pattern tra estate ed autunno si verifica attraverso una logica di tipo meridiano. Con il passare dei giorni assistiamo ad una graduale "depressione" dei geopotenziali dal territorio centrale europeo e mediterraneo, verso l'oceano Atlantico e la Penisola Iberica, laddove ritroviamo spesso e volentieri i massimi anticiclonici durante le tre stagioni, autunno, inverno e primavera.

Speranze di cambiamento a breve termine? Scarse o assenti almeno per adesso. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 20.08: A56 Tangenziale Di Napoli

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Barriera Napoli Est (Km. 19,6) e..…

h 19.59: A24 Roma-Teramo

coda incidente

Code per 2 km causa incidente nel tratto compreso tra Allacciamento A25 Torano-Pescara (Km. 72) e..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum