Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Modello americano: FREDDO ARTICO nella seconda metà di gennaio, tuttavia...

Il freddo artico avrebbe difficoltà a penetrare sull'Europa ma la media Ensemble calcolata sulla base dello stesso modello americano mostra ancora un ampio margine di incertezza.

In primo piano - 9 Gennaio 2017, ore 17.00

Quest'ultima settimana abbiamo visto all'opera una circolazione di venti gelidi artico-continentali che hanno portato un'ondata di severo maltempo sulle regioni del medio e del basso versante Adriatico. Tale circolazione esaurirà le sue energie nell'area balcanica, dipanandosi ancora su parte del nostro Paese tra domani, martedì 10 e mercoledì 11 gennaio. Nel periodo successivo, volgendo pertanto il nostro sguardo alla metà del mese, una dinamica turbolenta di origine squisitamente artica e pertanto senza alcun contributo di tipo continentale, potrebbe imporre la sua voce nella circolazione generale dell'atmosfera in ambito europeo. Un centro di bassa pressione collocato in sede scandinava dirigerebbe le operazioni di comando, avviando sul nostro Paese nuovamente una fase di tempo instabile.

Non più masse d'aria fredda incollate nei bassi strati dell'atmosfera, bensì la presenza di valori gelidi soprattutto in quota, distribuiti in modo tale da favorire moti convettivi dell'atmosfera alla base di un'instabilità più diffusa che potrebbe riguardare anche le regioni del nord (periodo 15 - 20 gennaio).

Ancora oggi osserviamo tuttavia un forte disallineamento tra la previsione del modello europeo e quello della controparte americana. L'incertezza regna sovrana persino all'interno delle stesse medie Ensemble del modello americano che si dividono a metà strada tra scenari di freddo o di tempo più stabile ed anticiclonico. La prevalenza di uno o l'altro scenario dipenderà strettamente dalla posizione rivestita dall'anticiclone oceanico nei confronti della Penisola Iberica e di conseguenza quanto potrà essere importante l'influenza di tale figura sul tempo del Mediterraneo.

Al momento rimane più probabile la tesi di un proseguimento del freddo sin verso il termine della seconda decade di gennaio, anche se non possiamo escludere a priori l'avvento di una nuova fase anticiclonica. Quest'ultima resta confinata nelle cosiddette "ipotesi recessive", in un quadro generale che vedrà come scenario principale sul tempo d'Italia, ancora le circolazioni di tipo freddo.

Entro la serata nuovi aggiornamenti. 
 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.55: A9 Lainate-Chiasso

coda

Code per 3 km causa operazioni doganali nel tratto compreso tra Svincolo Di Como Sud (Km. 33,8) e..…

h 04.43: A9 Lainate-Chiasso

coda

Code causa operazioni doganali nel tratto compreso tra Svincolo Di Como Monte Olimpino (Km. 39,4) e..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum