Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Meteo natalizio: l'anticiclone russo-siberiano nel determinismo del modello europeo

Il Tallone d'Achille del modello europeo (e non solo). Spunta a lungo termine l'ipotesi di un raffreddamento continentale.

In primo piano - 25 Dicembre 2017, ore 14.45

Nei prossimi giorni, il nostro Vortice Polare, cioè la grande depressione che durante l'inverno spadroneggia sul nostro emisfero, presentando un fulcro proprio in sede polare, almeno in parte tenterà un ricompattamento sull'artico canadese ma i suoi tentativi potrebbero risultare vanificati. Nei piani bassi della troposfera, la circolazione tornerebbe ben presto a proporre delle proficue intrusioni di calore che andrebbero a compromettere la compattezza del vortice. Verrebbe così ostacolata la progressione del famigerato raffreddamento stratosferico polare verso gli strati sottostanti, con effetti negativi sulla circolazione invernale.

Elemento di assoluto rilievo nel panorama modellistico odierno, la formazione di una figura altopressoria cosiddetta "termica", cioè provocata dal peso stesso di una massa d'aria fredda incollata al suolo e più precisamente nelle vaste pianure russo siberiane. 

Quest'ultimo rappresenta un elemento notevole di disturbo all'interno della circolazione atmosferica relativa all'emisfero boreale, la sua crescita più o meno pronunciata, è ancora male inquadrata dai modelli ma quest'oggi lo slancio maggiore verso scenari di tempo instabile e potenzialmente anche freddo, arrivano proprio dai nuovi aggiornamenti messi in luce dal modello europeo ECMWF.

Di tutt'altro avviso la controparte americana continua a sposare la tesi di una circolazione a tratti instabile ma sempre di tipo mite, con prevalenza di venti occidentali anche nella prima decade di gennaio. 

Dove sta la verità? 

Sulle lunghe distanze osserviamo uno spacco abbastanza netto tra quella che è la previsione dei modelli europei ed americani. I modelli europei (ECMWF, UKMO) vedono entrambi la formazione di questo anticiclone di natura termica sull'Eurasia nei primissimi giorni del gennaio 2018, i modelli americani (GFS, GEM) restano invece ancorati alla previsione di un Vortice Polare più compatto, con la prevalenza di una circolazione di tipo occidentale su gran parte d'Europa. 

Al momento le possibilità di successo previsionale sono a favore del centro di calcolo americano ma non è da escludere neppure l'ipotesi messa in luce dal modello europeo. Al momento nessun modello prevede una condizione di stasi atmosferica (anticiclone persistente) nella prima decade di gennaio, e questo è già un grande passo avanti. 
 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 07.51: A1 Firenze-Roma

coda

Code causa viabilità esterna non riceve a Firenze Scandicci in uscita in direzione da Bologna da..…

h 07.50: S01 Strada Grande Comunicazione Fi-Pi-Li (per Livorno)

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Allacciamento A1 Firenze Scandicci e Firenze Scandicci (Km. 3)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum