Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Meteo lungo termine: da metà mese si apre un altro capitolo dell'inverno

Ondulazione delle correnti atlantiche con momenti perturbati più importanti ed anche occasione per nevicate a bassa quota.

In primo piano - 8 Gennaio 2015, ore 09.56

Le correnti laminari ondulate da nord-ovest sono le migliori per apportare temperature sufficientemente fredde ed aria secca alternata a semi onde da sud ovest con annesse depressioni cariche di precipitazioni, che ovviamente possono risultare nevose anche a quote basse.

Insomma dalla metà di gennaio, come andiamo ripetendo dal 2 gennaio, il tempo cambierà. La modifica dell'assetto barico non avverrà in un lampo, ma il peggioramento del week-end 17-18 gennaio sicuramente fungerà da apripista per una nuova avventura invernale con la neve che inizialmente potrà cadere tra nord e centro a quote collinari e che successivamente, con il passaggio di altre onde perturbate, potrebbe farsi vedere anche in pianura.

La posizione dell'alta pressione infatti, cosi come vien vista da un paio di giorni, non consentirebbe troppo scaldate tra un fronte e l'altro, perchè le saccature penetrerebbero franche e veloci da nord-ovest: lungo la corrente a getto si formerebbero anse e depressioncine pronte a scaricare neve.

Ce ne sarebbe sia per le Alpi che per gli Appennini, al nord e su parte del centro, specie su Toscana, Umbria e Marche potrebbe nevicare sino a quote prossime ai fondovalle e alla pianura. 

Dal 15 sino almeno al 25-26 gennaio questo potrebbe essere il trend, in attesa di capire cosa vorrà fare l'inverno da grande o per meglio dire da anziano, cioè in febbraio. 

Quanto è attendibile questa configurazione?

Che il tempo sia destinato a cambiare dalla metà del mese sembra ormai assodato, siamo sempre intorno al 75-80% di probabilità che questo avvenga.

Che l'assetto sia proprio quello che vi mostriamo ovviamente ha un'attendibilità un po' più bassa, ma in progressiva crescita: 55%,

Sono lontani comunque quegli inverni e ne abbiamo visti tanti, nonostante le lagnanze di questi giorni, comandati da anticicloni quasi permanenti, che negavano completamente l'inverno su quasi tutta Italia, salvo nelle zone colpite da nebbia.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum