Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Meteo : "goccia fredda" tipica invernale verso l'Italia, occhio a nevicate e gragnolate

In primo piano - 14 Maggio 2019, ore 22.07

Non c'è un attimo di tregua per l'Italia dove si è sviluppata una vera e propria "lacuna barica", ovvero un'area a bassa pressione letteralmente immobilizzata che richiama verso di se aria fresca senza sosta e di conseguenza piogge e temporali a più riprese. Una situazione che va avanti da oltre una settimana e che proseguirà su questa scia per diversi giorni raggiungendo vari picchi negativi che poco hanno a che fare con la tarda primavera.

Con "picchi negativi" ci riferiamo a impulsi freddi tipici del mese di marzo o inizio aprile che ovviamente in questo periodo dell'anno risultano davvero eccezionali : uno di questi sta penetrando proprio in queste ore sulle regioni del nord dove si fa sentire chiaramente l'ulteriore calo delle temperature e anche si possono osservare acquazzoni e grandinate sparse. La colonnina di mercurio sta crollando su tutto il Settentrione, specie sul nord-est dove Trieste alle ore 20.45 registra appena +9.6°C.

COSA STA SUCCEDENDO?

Ad arrecare questo ulteriore calo termico e l'arrivo di nuova instabilità è una "goccia fredda" giunta dalla Scandinavia : si tratta di una massa d'aria relativamente piccola ma molto fredda alle medio-alte quote, tanto che presenta temperature di -30°C a 5000 metri di altitudine. Una situazione del genere è tipica del tardo inverno o delle prime settimane della primavera, mentre in questo periodo dell'anno sono plausibili temperature tra i -15 e i -25°C a quella stessa altitudine.

Questa piccola e fredda massa d'aria sta sovrastando proprio in queste ore il nord-est, dove sta provocando un sensibile calo termico, acquazzoni sparsi ed una intensificazione del vento. Si sta rinforzando anche la Bora su tutto l'alto Adriatico, segno dell'ingresso di aria più fredda da nord-est.

POSSIBILI BIANCHE SORPRESE!

Questa goccia fredda scorrerà lentamente verso sud-ovest, sovrastando nelle prossime ore regioni come Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Marche, Liguria, Appennino Toscano e Sardegna, dopodichè entro domani sera verrà "risucchiata" dalla bassa pressione che staziona al sud Italia, andandola ad alimentare ulteriormente. Al transito di questa massa d'aria fredda ci aspettiamo non solo un deciso calo termico, ma anche acquazzoni, temporali e nevicate. La neve cadrà nei prossimi minuti e nella notte oltre i 700-900 metri di quota sulle Alpi nord-orientali, mentre tra stanotte e domani mattina ci aspettiamo nevicate sull'Appennino settentrionale oltre i 900 metri di quota. Sull'Appennino centrale la neve scenderà oltre i 1100 metri di quota.

Data la presenza di aria piuttosto fredda in alta quota non escludiamo fenomeni come la "gragnola" o la "neve tonda" sino a quote bassissime sulle regioni precedentemente menzionate, in grado di regalare scenari praticamente da pieno inverno. Ovviamente fra questi non mancherà la grandine.Ricordiamo che si tratterà di fenomeni isolati e a macchia di leopardo.

Il maltempo coinvolgerà anche tutto il resto del centro-sud a causa della solita bassa pressione che non accenna a mollare la presa : anzi, questa nuova massa d'aria fredda andrà ad alimentare la depressione favorendo un rinforzo dell'instabilità domani sulle regioni centro-meridionali. Quindi ombrelli sempre a portata di mano, gli acquazzoni e i temporali saranno dietro l'angolo!

 


Autore : Redazione MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum