Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

meteo-BILANCIO di Febbraio in VENETO

Dettagliatissima analisi meteorologica per il Veneto del mese appena concluso, a cura dell'ARPAV.

In primo piano - 4 Marzo 2005, ore 09.11

Questo mese è risultato siccitoso, freddo e ventoso, specie in quota. Quasi tutto il mese è stato caratterizzato da tempo bello o variabile, temperature spesso inferiori alla norma e molte giornate gelide e ventose in alta montagna. A causare questa situazione sono state le frequenti discese di aria fredda di origine artica che erano iniziate già nell'ultima settimana di gennaio. L'afflusso di aria fredda da Nord ha quindi determinato numerose giornate fredde e ventose e solo in 2-3 occasioni ha dato origine a condizioni favorevoli a nevicate. Questa seconda metà dell'inverno 2004-05 si sta rivelando molto anomala, non tanto per la siccità e per il freddo (nel recente passato le siccità invernali non sono certo mancate, come il gran freddo persistente nella prima metà dell'inverno 2001-02) ma quanto per il continuo ripetersi di irruzioni fredde dal Nord-Europa, causate da una straordinaria persistenza di un potente campo di alta pressione fra le Isole Britanniche e l'Islanda. Un'altra anomalia di questa stagione invernale è naturalmente costituita dal prolungamento del freddo non solo fino alla fine di mese, e quindi al termine dell'inverno meteorologico, ma anche alla prima settimana di marzo. La neve in marzo non è stata di per sè anomala, visti i frequenti casi del passato (si ricordino le nevicate molto abbondanti dell'11 marzo dello scorso anno). Le temperature medie mensili sono risultate 1-2°C inferiori alla norma nelle valli e addirittura 3-5°C inferiori in quota effetto delle tre prolungate ondate di freddo verificatesi nel corso del mese e dell'assenza di intervalli temperati. Le precipitazioni totali mensili sono state estremamente scarse, specie nel basso Agordino e a Zoldo, dove sono state quasi assenti. Più a Nord (Dolomiti settentrionali) qualche intenso fronte da Nord ha determinato qualche nevicata, mentre più a Sud (Prealpi) una depressione mediterranea ha causato un significativo episodio nevoso a fine mese. Negli ultimi 20 anni un bimestre gennaio-febbraio così siccitoso si è avuto solo negli anni 2000 e 1993. Eventi principali del mese. Giorni 2 e 3: raffica di vento 106 km/h sul Faloria, giorno 7: temperatura minima di -18°C a Padola, giorno 13: raffica di 92 km/h sul Faloria e massima di 14.5°C a Feltre causata dal föhn, giorno 16: sul Faloria la temperatura durante il giorno non sale oltre i -13°C, giorno 21: a Lamon temperatura sottozero anche di giorno, giorno 24: temperatura minima di -20°C a Pian Cansiglio, giorno 27: temperatura di -24°C a Passo Campolongo, giorno 28 giornata freddissima in quota, con minima di -29°C sulla Marmolada (-40°c la temperatura avvertita dall'organismo a causa del vento), massima diurna di -17°C sul Faloria (-30°C la temperatura avvertita) e -11°C ad Arabba. In tutto si sono contati 9 giorni di bel tempo, 18 di variabilità e 1 giorno di maltempo.

Autore : Bruno Renon ARPAV

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 23.39: A16 Napoli-Canosa

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Benevento - Raccordo Di Benevento (Km. 68,7) e Grottaminarda..…

h 23.12: A16 Napoli-Canosa

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Avellino Est (Km. 49,7) e Grottaminarda (Km. 81,7) in direz..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum