Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Medio e LUNGO termine; idee contrastanti sul tempo previsto al settentrione

Idee contrastanti circa la tenuta dell'alta pressione sulle regioni settentrionali: vediamo nel dettaglio la linea di tendenza calcolata dal modello americano e dal modello europeo.

In primo piano - 24 Giugno 2016, ore 17.10

Una figura piuttosto vistosa di alta pressione governa il tempo dello stivale italiano ma dal prossimo weekend sarà destinata a battere un po' in ritirata; le regioni settentrionali e centrali italiane verranno infatti interessate da infiltrazioni d'aria un po' più fresca alle quote superiori che determineranno la formazione di qualche manifestazione temporalesca a carattere sparso.

Sino a questo punto della storia troviamo tutti i modelli concordi sullo scenario appena descritto ma quando ci spingiamo oltre i canonici 5 giorni di previsione, puntando quindi il nostro sguardo alle ultimissime battute di giugno la situazione cambia: secondo la linea di tendenza calcolata dal centro di calcolo europeo, le correnti più fresche ed instabili oceaniche tornerebbero infatti a condizionare il tempo delle regioni settentrionali attraverso l'accentuazione dell'instabilità provocata dalla vicinanza di queste regioni alle masse d'aria più fredda che spingerebbero appena al di là del baluardo alpino.

Differente l'opinione del modello americano che propenderebbe invece per una maggiore tenuta anticiclonica anche sui settori settentrionali del nostro Stivale.

In ogni caso, ambo le linee di pensiero restano comunque concordi sulla tenuta dell'anticiclone sul bacino del Mediterraneo e pertanto l'avvio di una lunga fase di tempo STABILE diretta ai settori centrali e meridionali italiani.

In particolare un episodio più deciso di instabilità potrebbe manifestarsi su Alpi, Prealpi ed aree di pianura a nord del fiume Po, a cavallo tra la fine di giugno e l'esordio di luglio. Una seconda fase instabile potrebbe infine manifestarsi (ma su questo urgono maggiori conferme) tra domenica 3 e lunedì 4 luglio. Il primo episodio che introdurrebbe anche un calo modesto della temperatura, appare confermato anche dalla media Ensemble dello stesso modello europeo, il secondo episodio relativo alla prima decade di luglio resta ancora molto incerto. 

Tirando le somme si riconferma una fase stagionale in grado di garantire sole e tempo stabile su molte delle nostre regioni italiane, le cui uniche eccezioni potrebbero quindi riguardare le sole regioni settentrionali con particolare riferimento ai settori alpini, prealpini ed alle pianure settentrionali. 

In tal senso ulteriori dettagli saranno disponibili con gli aggiornamenti dei prossimi giorni. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.33: SS17 Dell'appennino Abruzzese E Appulo-Sannitico

problema

Mezzi spargisale in azione nel tratto compreso tra 1,839 km dopo Incrocio Rocca Di Corno (Km. 10,2)..…

h 01.13: A23 Palmanova-Tarvisio

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra Udine Sud-Tangenziale (Km. 13,6) e Pontebba (Km. 92,4) in ent..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum