Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Mattone su mattone: così si costruisce l'inverno

E potrebbe essere anche una seconda parte di stagione scoppiettante.

In primo piano - 16 Gennaio 2014, ore 11.23

A rompere le uova nel paniere del vortice polare, ci penserà sul Continente americano una massa d'aria calda in risalita verso il polo dalle isole Aleutine.
Da diversi giorni vi postiamo sempre le stesse mappe per il lungo termine ed ogni giorno il modello americano sforna la stessa configurazione barica per la fine del mese e che vedete anche qui a fianco: un profondo vortice depressionario sul nord del Continente, che altro non è che un ramo del vortice polare, che tenta di sfondare verso sud, con l'alta pressione che prova a resistere ad ovest. 

Ne scaturisce un forte gradiente barico sull'Europa occidentale, che spinge finalmente correnti fredde di estrazione artica marittima in direzione del nostro Paese. Un bel ricambio d'aria da quel punto cardinale che mancava da mesi. Finalmente arriverà e sarà la svolta per l'inverno.

Intanto perchè dapprima arriverà la neve in Appennino e poi perchè poi la corrente così tesa da NW frenerà e altri malloppi gelidi si porteranno ben più a sud, scavando lungo il bordo orientale dell'anticiclone, che nel contempo finalmente migrerà verso nord, e originando nuovi guasti in serie di matrice invernale.

A questo punto non è difficile ipotizzare conseguenze nevose in pianura al nord per la fine di gennaio o al massimo per i primi di febbraio, ma anche fiocchi a quote basse al centro e lungo gran parte della dorsale appenninica.

Se una depressione simile si isolasse nel cuore del Mediterraneo allora sarebbe inverno vero, perchè più ad ovest l'anticiclone farebbe solo da muro parziale ed altri impulsi alimenterebbero tutto il sistema, così come da est, lungo il bordo meridionale dell'anticiclone russo-scandinavo potrebbero affluire masse d'aria nuovamente più fredde.

Insomma il "là" dell'inverno come abbiamo sostenuto da tempo potrebbe darlo il grande nord, in seguito l'est potrebbe anche decidersi di partecipare alla festa.

Quante probabilità ci sono che davvero l'inverno sbarchi su Europa e Mediterraneo entro la fine del gennaio? Secondo noi discrete e in costante crescita: siamo tra il 55 ed il 65%. Ma non aspettatevi grandi eventi prima del 27 gennaio, cioè sin tanto che non farà il suo ingresso una corrente da nord.

Intanto trovate qui di fianco tutte le carte che vi postiamo da giorni circa il potenziale cambiamento di fine mese.

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum