Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Martedì sera spifferi freddi alla conquista del nord Italia, ecco le possibili conseguenze

Ricambio d'aria in vista per il nostro settentrione ad opera di un fronte freddo in arrivo dal nord Europa con possibili risvolti temporaleschi su diverse zone.

In primo piano - 2 Maggio 2011, ore 11.03

E' la classica perturbazione che riesce a fregare i modelli ma (forse) non i previsori. Quando una massa d'aria fredda viene raccolta da una pulsazione depressionaria nord europea e viaggia lungo il bord orientale di un anticiclone, in questo caso una cellula distesa sulla regione scandinava, assume caratteristiche molto turbolente e irregolari.

Il quadro descritto è quello che si presenterà a tutti gli effetti alle porte del nord Italia nella giornata di martedì 3 maggio. Una volta giuntà in prossimità del versante nord-alpino la massa d'aria in questione, nel frattempo organizzatasi in un vero e proprio fronte freddo, andrà incontro ad ulteriori ostacoli, primo tra tutti quello dello scavalcamento della catena alpina.

La cronologia degli accadimenti previsti potrebbe dunque assumere la sequenza qui di seguito proposta: nella mattinata di martedì correnti sud-occidentali moderatamente umide inizieranno a filtrare dal golfo Ligure andando a costruire nuvolosità e qualche rovescio, anche temporalesco, sulla Toscana. Nel frattempo il versante nord-alpino sarà pronto per la frustata da nord, con le prime precipitazioni sparse che sconfineranno qua e là dalla cresta spartiacque verso il settori italiani. Niente di particolare, pur se occorre segnalare qualche spruzzata di neve oltre i 1800 metri.

Nel pomeriggio il flusso umido sud-occidentale ha ormai raggiunto il Lazio, dove potrà replicare qualche temporale, mentre il fronte freddo inizierà a valicare le Alpi centro-orientali prima e quelle occidentali poi. Questa manovra fuori fase andrà a sospingere l'aria fredda sui settori di nord-est e d a qui verso quelli di nord-ovest attraverso l'imbuto padano.

Ne deriverà il probabile sviluppo in serata di una linea di convergenza che attiverà in sequenza strutture temporalesche a ridosso della fascia prealpina piemontese, lombardo-veneta e friulana. I fenomeni, sospinti da sostenute correnti da nord in quota, viaggeranno celermente verso la pianura dove andranno a concentrarsi su alcuni settori, tralascendone altri. Questa dinamica particolareggiata dei fenomeni ci sarà più chiara nei prossimi aggiornamenti, tuttavia segnaliamo fin d'ora che un po' tutte le regioni del nord verranno interessate entro la nottata su mercoledì, ma in particolare la fascia pedemontana e i settori di pianura posti a nord del Po.

 

 

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 13.30: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Forli' (Km. 81,6) e Cesena Nord (Km. 93,6) in direzione Ancona..…

h 13.30: A56 Tangenziale Di Napoli

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Doganella (Km. 19,8) e Capodimon..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum