Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Maltempo: vasta saccatura artica in entrata sull'Italia, in arrivo nevicate su Alpi e Appennino a quote molto basse

In primo piano - 1 Febbraio 2018, ore 18.20

Vasta perturbazione inaugura febbraio. Maltempo in rapido aumento e venti in rinforzo, iniziano le forti nevicate sui rilievi.

Maltempo/ Come ampiamente previsto febbraio è partito con un piglio decisamente diverso rispetto a gennaio. Un lungo periodo invernale è appena cominciato per l'Italia e proseguirà per gran parte della prima decade di febbraio, favorendo il ritorno delle piogge a più riprese, freddo e nevicate.

Dopo tanta siccità, la perturbazione artica in ingresso dal centro Europa è pronta ad apportare piogge su molte delle nostre regioni, specie quelle tirreniche meglio esposte alle correnti sud-occidentali. Proprio queste correnti si stanno facendo sentire su gran parte d'Italia : i venti di libeccio e scirocco sono in netto rinforzo lungo la nostra penisola, segno del costante avvicinamento della vasta saccatura artica che farà il suo ingresso dai settori nord-occidentali, ovvero dalla Francia. Proprio i venti meridionali porranno fine all'incredibile bassa marea che sta interessando Venezia.

Già i primi fenomeni legati al pre-frontale della perturbazione li stiamo osservando al centro-nord, specie su Liguria, Toscana, Appennino emiliano e Triveneto, dove troviamo piogge e anche nevicate in montagna. La neve sta cadendo oltre i 1300 metri sull'Appennino settentrionale (tra Liguria, Toscana ed Emilia) e oltre i 1000 metri sulle Alpi. Accumuli già abbastanza interessanti oltre tali quote (tra i 10 e i 30 cm di neve fresca già caduti oggi). Una forte nevicata si è verificata nel pomeriggio sul Monte Cimone (tra Toscana ed Emilia) dove sono caduti in pochi minuti oltre 10 cm di neve. Forti nevicate anche sulle Dolomiti e le Alpi Giulie. Più asciutto sul nord-ovest. 

Splendido il video che arriva da Sottoguda, sulle Dolomiti bellunesi:

La parte più corposa e instabile della perturbazione artica raggiungerà l'Italia tra domani e domenica : piogge via via sempre più forti e diffuse coinvolgeranno le regioni tirreniche e il nord-est già a partire da stasera. Le nevicate saranno forti e continue su tutte le Alpi nord-orientali e sull'Appennino settentrionale oltre i 1000 metri di quota per almeno altre 24 ore. Domani mattina avremo anche un calo delle temperature che favorirà la discesa della quota neve almeno a 700 metri sul nord-est e sugli 800/900 metri sull'Appennino settentrionale (ancora oltre i 2000 metri sull'Appennino centrale).

Il maltempo interesserà anche il sud Italia (specie il versante tirrenico) a partire da stasera e le prime ore di domani, il tutto con venti sostenuti dai quadranti meridionali che scaturiranno un aumento delle temperature (segnatamente domani). I fenomeni saranno molto più blandi e isolati sul versante ionico e sul basso Adriatico sino a domenica.

Il flusso di aria artica scaverà una depressione tra venerdi sera (domani) e sabato mattina sull'Italia centrale (tra Umbria, Marche e Abruzzo) la quale dispenserà nuove precipitazioni su buona parte della nostra penisola. La depressione farà affluire l'aria più fredda di origine artica su tutto il nord Italia e parte del centro, grossomodo tra Marche e Toscana dove quindi è atteso un sensibile calo delle temperature proprio in concomitanza col maltempo. 

La quota neve pertanto potrà ulteriormente calare su Toscana, Marche, Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia tra domani sera e sabato mattina/ pomeriggio : i fiocchi bianchi potranno giungere sin verso i 300 metri di quota sulla Toscana (specie zone settentrionali, aretino e senese... possibile anche una bella nevicata su Arezzo!), mentre su Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia la dama bianca potrà fare la sua comparsa a tratti sino in pianura (favorite comunque le pianure interne, lontane del mare). Quota neve oltre i 400/500 metri sulle Marche. Nevicate pressocchè assenti al nord-ovest, mentre avremo un calo tra Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise e tutto il sud almeno sin verso i 900/1000 metri.

La previsione resta ancora incerta soprattutto per il Nord-est, in quanto molto dipenderà dall'esatta collocazione del minimo di bassa pressione (bastano pochi chilometri più a sud per impedire l'arrivo di precipitazioni, e di conseguenza delle nevicate, su Veneto e Friuli Venezia Giulia). Discorso diverso per l'Emilia Romagna orientale e la Toscana, dove le probabilità di osservare nevicate a quote basse è decisamente più alta.


Autore : Redazione MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.37: A1 Milano-Bologna

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Nodo A1/A21 km 55 e Nodo A1/A21 km 58 in direzione Bologna dal..…

h 17.37: A90-GRA Aurelia-Salaria

coda rallentamento

Code, traffico intenso nel tratto compreso tra 203 m dopo Svincolo 5: SS2bis Cassia Veientana (Km...…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum