Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

LUNGO TERMINE: uno sguardo al tempo di inizio febbraio, i protagonisti in gioco

Decade l'ipotesi "continentale", prende piede quella artica. Del dettaglio le soluzioni previsionali relative alla prima decade di febbraio.

In primo piano - 24 Gennaio 2018, ore 19.00

Appurato dai modelli anche nel prossimo futuro, la mancanza di una figura anticiclonica in grado di monopolizzare le condizioni atmosferiche a tempo indeterminato. Quindi ad intervalli regolari, intermezzi d'instabilità saranno ancora in grado di condizionare l'andamento di inizio febbraio, il terzo ed ultimo mese di inverno meteorologico. Potremo ancora fare affidamento si di una certa "mobilità" delle figure atmosferiche sul palcoscenico d'Europa, tuttavia la mancanza di un adeguato apporto di freddo continentale sulle pianure orientali, rende poco probabile l'avvento di una fase instabile dalle caratteristiche invernali accentuate.

Sui settori nord-orientali d'Europa, ormai da molte settimane, i valori di temperatura risultano superiori alla norma e questa è una costante ormai confermata in maniera sistematica dagli aggiornamenti di tutti i modelli relativi a lungo termine. La ragione di questo mancato raffreddamento delle pianure russo siberiane, quantomeno nei lembi più occidentali di questo vastissimo territorio, è da imputare ancora una volta in una forte attività delle depressioni extratropicali oceaniche, le quali hanno veicolato masse d'aria temperate sino al cuore dell'Europa continentale.

Il tempo previsto nel prossimo futuro, potrà quindi subire con maggior facilità, l'influenza portata dalle masse d'aria fredde di origine ARTICA, aventi quindi una provenienza di tipo settentrionale, in grado di raffreddare l'atmosfera ma senza portarvi valori eccezionali di freddo che soltanto le masse d'aria continentali sono in grado di garantire. 

Nella prima decade di febbraio, i modelli inquadrano una fase di tempo instabile con caratteristiche invernali, determinata proprio dallo scivolamento del freddo artico lungo il fianco orientale di un forte anticiclone collocato sui settori occidentali europei. Quest'ultimo andrebbe a costituire un blocco parziale nei confronti delle correnti instabili oceaniche, dirottate verso latitudini artiche. L'azione di blocco appare tuttavia poco convinta e vi sono concrete possibilità affinchè l'anticiclone, di tanto in tanto, possa ancora distendersi sul Mediterraneo portandovi intermezzi di tempo più stabile e mite.

Relativamente alla prima decade di febbraio, indipendentemente da quello che sarà lo scenario previsto sul bacino centrale del Mediterraneo, il rischio della cosiddetta "spanciata dell'alta pressione", resta insomma dietro l'angolo, in uno scenario d'instabilità che potrebbe premiare con maggior facilità i versanti orientali del Paese. 


Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it
 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 21.05: A50 Via Sandro Pertini incrocio Tangenziale Ovest Di Milano

coda

Code causa rallentamenti per curiosi nel tratto compreso tra Svincolo Settimo Milanese-SS11: S.Siro..…

h 20.55: A9 Lainate-Chiasso

rallentamento

Traffico rallentato causa lesioni a strutture nel tratto compreso tra Svincolo Di Como Sud (Km. 33,..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum