Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Lungo termine: quante possibilità ci sono che torni il freddo sull'Italia?

Occhi puntati su alcuni interessanti scenari post-anticiclonici proposti da diverse corse modellistiche per la prima decade di marzo.

In primo piano - 20 Febbraio 2012, ore 12.00

 Esordio di primavera (quella meteorologica) con un colpo di coda del freddo? Secondo alcune ipotesi la risposta è affermativa, ma per capire effettivamente quanta verità contengano queste proiezioni deterministiche occorre senz'altro inserirle nel giusto contesto teleconnettivo e calcolare poi le relative probabilità di successo.

A detta dei vari indici non sembra possano esserci grandi possibilità per le manovre del Generale sino ai primissimi giorni di marzo: nessuna forzante stratosferica in vista. Il vortice polare tornerà ad accelerare trascinandosi dietro anche un rialzo della pressione sull'Europa occidentale. Sul Pacifico si va approfondendo per contro un'onda depressionaria che, se tutto filerà liscio, non arriverà in Europa se non intorno all' 8 - 9 di marzo.

L'analisi dell'indice MJO, ovvero l'onda temporalesca tropicale, quella che forza le alte pressioni ad erigere blocchi verso nord, finirà sull'oceano Indiano. Questo statisticamente propende per lo sviluppo di possibili blocchi anticiclonici in sede britannico-scandinava circa 14 giorni dopo il suo passaggio, ergo proprio intorno allo scadere della prima decade del nuovo mese.

Inserendo queste analisi nel mazzo delle probabilità offerteci dall'ensemble, abbiamo la conferma della dispersione generale degli scenari (vedi figura sopra). Ora, pur tenendo conto che la corsa ufficiale è tra le poche a paventare una nuova fase fredda nella prima decade del nuovo mese, possiamo tracciare la seguente linea di tendenza:

Alta pressione sull'Italia sino al 26-27 febbraio (90%). Peggioramento su regioni adriatiche e meridione a partire dal 28-29 di febbraio con seguito di correnti settentrionali più fresche (60%). Tentativo da parte dell'alta pressione di riprendersi l'Europa e l'Italia tra il 3 e il 5 marzo (55%). Possibile dirottamento della stessa verso Isole Britanniche e regione scandinava intorno al 7-9 marzo (45%) con conseguente fase più fredda e instabile sull'Italia.

Non ci sarebbe neanche bisogno di ricordare, anche in virtù delle percentuali indicate, che tale proiezione è da ritenersi quale linea logica di tendenza alle risultanze della carte ad oggi disponibili. L'impianto potrà certamente subire variazioni nei prossimi aggiornamenti, che noi saremo prontamente qui a descrivervi per giungere ad una prognosi finale a lungo termine con le migliori probabilità di successo possibili.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 13.10: S03 Strada Grande Comunicazione Fi-Pi-Li (diramazione per Pisa)

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Svincolo Pisa Nord Est (Km. 71) e Svincolo Cascina (Km. 63)..…

h 13.10: A23 Palmanova-Tarvisio

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Gemona-Osoppo (Km. 44,9) e Udine Nord (Km. 26) in direzione aut..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum