Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

LUNGO TERMINE: probabile ritorno dell'instabilità entro inizio febbraio, ma con quali caratteristiche?

L'anticiclone non reggerà allo scorrere del tempo; la conclusione di gennaio sarà ancora affidata alle scorribande perturbate che torneranno a coinvolgere anche il Mediterraneo. Vediamo con quali caratteristiche.

In primo piano - 23 Gennaio 2018, ore 19.10

Una conferma ed una smentita nell'evoluzione a lungo termine prevista quest'oggi dai modelli nella parte conclusiva di gennaio; in questi ultimi giorni stiamo assistendo ad un rinforzo nell'intensità e nella portata della corrente a getto, la quale dirotta verso l'Europa le masse d'aria instabili provenienti dall'artico canadese. Queste ultime giungono sui nostri territori ormai private dei valori di gelo originari ma raccogliendo sul loro percorso, una gran quantità di aria umida e restituendo ai nostri inverni una parvenza autunnale. Alle latitudini del Mediterraneo tale circolazione si è inserita in un contesto anticiclonico governato da valori termici miti, in questo caso potremo quasi parlarvi di una primavera anticipata. 

Tuttavia, come vi abbiamo appena accennato, volgendo il nostro sguardo alla parte conclusiva di gennaio, potremo osservare nuovamente un'evoluzione di tipo instabile, nella quale l'Europa tornerebbe a fare i conti con un ribasso del Fronte Polare.

Un po' tutte le soluzioni previsionali proposte quest'oggi dai Global Models sembrano muoversi verso questa direzione, tuttavia cambiano profondamente gli scenari proposti tra uno e l'altro modello in merito alla sinottica che verrebbe a crearsi a livello locale;

- da un lato abbiamo quindi la tesi proposta dal modello americano (e dalle sue relative Ensemble) che optano per la formazione di un blocco anticiclonico sull'oceano Atlantico, al quale seguirebbe un raffreddamento importante della temperatura sul nord-est Europa, sino al Mediterraneo. 

- la tesi proposta dal modello europeo, attraverso una azione instabile di tipo ARTICO, in questo caso l'Europa orientale e la Russia resterebbero ancora al caldo, venendosi a trovare lungo il lato ascendente di una saccatura che avrebbe il proprio asse dalla Penisola Scandinava ai settori della Mitteleurope. 


Ambo le soluzioni propongono quindi scenari di tempo INSTABILE, in chiave invernale l'uno, in chiave autunnale l'altro. 

Al momento la tesi proposta dal modello europeo sembrerebbe un po' più realistica ma non possiamo escludere a priori nemmeno la soluzione proposta dal modello americano. 

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 12.52: A14 Bologna-Ancona

coda incidente

Code per 7 km causa incidente nel tratto compreso tra Imola (Km. 50,1) e Faenza (Km. 64,5) in di..…

h 12.47: A14 Bologna-Ancona

coda incidente

Code per 6 km causa incidente nel tratto compreso tra Imola (Km. 50,1) e Faenza (Km. 64,5) in di..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum