Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Lunedì doppio passaggio NEVOSO al nord: al mattino più colpita la bassa, la sera coinvolte anche le Alpi

Due perturbazioni: la prima pilotata da correnti occidentali, la seconda più prettamente meridionali.

In primo piano - 31 Dicembre 2009, ore 10.50

In presenza di correnti da ovest sono Liguria, bassa pianura ed Emilia-Romagna al nord a ricevere i maggiori apporti nevosi, mentre i fenomeni si fanno più sporadici procedendo verso nord, sino a diventare localmente assenti. Il primo fronte in arrivo lunedì sarà appunto accompagnato da questo tipo di correnti e dunque i fenomeni nevosi investiranno soprattutto Emilia-Romagna, Appennino ligure, basso Piemonte, bassa Lombardia e basso Veneto, depositando al suolo qualche centimetro. Con la rotazione delle correnti dai quadranti meridionali e l'ingresso di un secondo impulso perturbato le precipitazioni invece risulteranno più abbondanti, raggiungendo un po' tutte le regioni e investendo ovviamente anche la regione alpina. Mentre però con il transito del primo debole corpo nuvoloso il cuscino freddo presente in Valpadana non verrà affatto intaccato, preservando la colonna d'aria temperature negative dalla pianura alle quote superiori, il maggiore apporto di aria umida e mite che accompagnerà il secondo passaggio determinerà un sensibile rialzo dei valori in quota su Emilia-Romagna, Triveneto, costa ligure ed est Lombardia. Ih questo modo nel corso della notte su martedì su queste zone la neve dovrebbe trasformarsi in pioggia, mentre su ovest Lombardia e gran parte del Piemonte dovrebbe continuare a nevicare sino alle basse quote almeno sino alle 10 di martedì con accumuli anche superiori ai 15-20cm; andrà bene comunque nelle vallate alpine, lì lo zero termico dovrebbe reggere anche tutto martedì. Da notare che i fenomeni si attenueranno ovunque dal pomeriggio del 5, regalando una pausa asciutta sino al primo pomeriggio dell'Epifania. Il limite delle nevicate legato alla successiva perturbazione resta invece ancora un'incognita, ma le Alpi hanno comunque ottime probabilità di fare ancora il pieno.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum