Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Luglio sulla montagna veneta: vicini ai valori termici del 2003 e del 1983, ad ARABBA è piovuto la metà del normale

Questo mese è risultato in complesso più caldo e meno piovoso del normale.

In primo piano - 2 Agosto 2006, ore 10.02

Il mese più rappresentativo dell’estate ha rivelato quest’anno caratteri pienamente estivi, con molte giornate caratterizzate sia dal caldo e che da temporali pomeridiani o serali. Dopo una prima metà del mese complessivamente normale, che ha fatto seguito alla prolungata ondata di caldo di metà-fine giugno, una nuova, intensa ondata di calore ha interessato la provincia dal 18 al 27. A fine mese l’arrivo di aria più fresca ha posto fine al grande caldo. Le temperature medie mensili sono risultate, a seconda delle zone, superiori alla norma di 2-3°C, effetto dei 10 giorni consecutivi di grande caldo nella seconda metà del mese. Il giorno più torrido, con condizioni comunque di “caldo-secco” è risultato il 21, quando si è andati vicino ai valori record dell’agosto 2003. Per ritrovare un mese di luglio più caldo bisogna risalire al famoso luglio 1983, mentre un bilancio dell’intera stagione estiva e dunque un confronto con l’estate 2003 non è al momento ancora possibile (manca ancora agosto), ma tutto lascia supporre che l’estate 2006 non risulti così anomala come quella di 3 anni fa, soprattutto per le significative interruzioni fra i periodi di grande caldo, anche prolungati, di questa stagione estiva. Le precipitazioni, dovute in gran parte ai soli fenomeni temporaleschi, sono state mediamente deficitarie, con scarti, rispetto alla norma, variabili fra il 10 ed il 50% (ad Arabba e a S. Stefano è piovuto la metà del normale). Tuttavia in alcune zone, per una maggiore frequenza ed intensità dei temporali, la piovosità si è rivelata normale (come ad esempio a Zoldo) o addirittura maggiore del normale (Agordo). Dopo un giugno alquanto arido, luglio ha contribuito ad aggravare la situazione delle riserve idriche. Dall’inizio dell’anno i totali pluviometrici sono nel complesso inferiori alla norma del 5-25%, con scarti più elevati nella parte Nord della provincia. Tre degli ultimi quattro anni hanno palesato un totale pluviometrico deficitario nei primi 7 mesi dell’anno. Di questo mese si devono ricordare: ·l’eccezionale rovescio temporalesco registrato a Podestagno (Cortina) il giorno 5, con 69 mm di pioggia, dei quali 45 mm in mezz’ora e 64 in un’ora. Numerose colate detritiche si verificano nella zona, con interruzione anche della strada “Alemagna” poco a Nord di Fiames (come già accaduto il 16 giugno scorso). ·le raffiche di vento per temporale nel pomeriggio-sera del 12, con velocità massima di 60 km/h a Quero e 50 km/h a Belluno. ·Le temperature molto alte del giorno 21, con massima a S.Giustina di 38°C, Feltre 37°C, Agordo 35.5°C, S.Stefano 33°C, Falcade e Cortina 31°C, Arabba 26°C e minime notturne di 19°C sul Monte Avena (1412 m) e 14°C al Passo Valles (2020 m). ·le forti escursioni termiche giornaliere dal 18 al 21, complice l’aria molto secca: il 21 a S.Giustina si passa da una minima di 12.5°C ad una massima di 38°C, mentre in Valmenera (Cansiglio) dove le escursioni termiche marcate sono comunque normali, lo sbalzo dalla notte al giorno è addirittura di 28.5°C, partendo da una minima non lontana dallo zero (1.5°C) e arrivando ai 30°C del pomeriggio. ·le frane e le esondazioni di piccoli torrenti nella zona di Laste (Rocca Pietore) il giorno 26, con interruzione della strada che conduce al paese, nonché i locali dissesti il giorno dopo fra Agordo e Caprile. ·I forti rovesci temporaleschi del giorno 28 sulla fascia prealpina, con 28 mm caduti in 15 minuti sul Monte Avena e i 15 mm in soli 5 minuti a Col indes di Tambre. Lo stesso sistema temporalesco provoca in pianura violentissime raffiche di vento, con notevoli danni: la stazione meteo di Mogliano Veneto (TV) registra una velocità massima di 124 km/h. In tutto si sono contati: 11 giorni di bel tempo, 20 di variabilità e nessun giorno di maltempo persistente.

Autore : Bruno Renon, Arpav centro valanghe Arabba

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum