Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Lettera aperta ai lettori di MeteoLive del Maggiore GUIDI

Il Maggiore Guidi si rivolge ai lettori del nostro quotidiano per cercare di fare un po' di chiarezza sulla situazione meteorologica che stiamo vivendo

In primo piano - 24 Novembre 2006, ore 10.00

Gentilissimi lettori di MeteoLive, raccolgo con grande piacere l’invito del mio e vostro amico Alessio Grosso ad una breve riflessione su questa prima fase della stagione autunnale, che potremmo definire un po’ latitante almeno nei suoi tratti caratteristici principali. Prima di tutto vi invito ad una riflessione che vale per la zona dove vivo, ovvero a sud di Roma, ma credo possa essere estesa anche a molte altre aree del nostro territorio: i colori dell’autunno sono arrivati soltanto da pochi giorni, dopo l’ingresso –finalmente- di una serie di impulsi frontali atlantici giunti dopo un lungo periodo di stabilità davvero poco autunnale; non basta, gli alberi hanno cominciato appena da pochi giorni a perdere le foglie, e questo, se non altro, ci ha salvato da parecchie pseudo-alluvioni, in concomitanza con le prime vere piogge arrivate tra martedì e mercoledì. Un Autunno secco dunque, ed anche decisamente caldo. Non volendo precorrere i tempi soffermiamoci soltanto al mese di ottobre, anche se nelle prime due decadi di novembre la tendenza è stata confermata. Le temperature, sia massime che minime, sono state costantemente al di sopra delle medie stagionali, con una brevissima parentesi nel primo week-end del mese, della quale ci siamo di fatto già dimenticati. Deficit, pur se meno marcato, anche nel campo delle precipitazioni, con l’unica controtendenza della Sicilia orientale e della Calabria meridionale. Del resto, pur correndo il rischio di essere banali, più caldo nel medio periodo vuol dire anche più stabile e quindi più secco. Per quale ragione è accaduto? Proviamo a fare un’ipotesi allungando lo sguardo all’atlantico centro settentrionale. Già, la NAO (North Atlantic Oscillation), ovvero l’indice basato sul comportamento del gradiente di pressione tra le Azzorre, la casa dell’omonimo anticiclone, e l’Islanda, dove risiede appunto la depressione islandese. Questo indice viene normalmente preso in considerazione durante i mesi invernali, in quanto incide sulla traiettorie medie delle perturbazioni atlantiche, favorendone l’ingresso nel Mediterraneo quando è in fase negativa, ovvero con scarso gradiente, e viceversa dirigendo gli impulsi perturbati verso l’Europa settentrionale quando è in fase positiva, ossia con un gradiente barico molto accentuato. La fase negativa è inoltre nota per essere portatrice di condizioni climatiche sì umide, ma anche piuttosto miti, proprio sul mediterraneo centro-occidentale. Ora, l’indice NAO è stato pressoché costantemente negativo dalla metà di settembre a pochi giorni or sono, ma la configurazione planetaria non era invernale, e non ci sono state perturbazioni disponibili a percorrere il corridoio verso l’Europa centro-meridionale. L’anticiclone africano si è lungamente impossessato del mediterraneo ed abbiamo risentito soltanto delle conseguenze secondarie della fase negativa dell’indice, ovvero le temperature elevate. Questa potrebbe essere una spiegazione che sarà interessante approfondire ed eventualmente confutare quando saranno disponibili i dati completi su questa stagione autunnale. Del resto, durante i mesi estivi abbiamo visto delle previsioni stagionali orientate verso un autunno abbastanza mite, e, pur sempre con il beneficio del dubbio, forse faremmo bene a dar loro credito anche ora che prefigurano un inverno mediamente un po’ meno freddo della norma. Dati da interpretare naturalmente, così come andrebbero interpretate le proiezioni della NOAA per la stagione invernale d’oltreoceano, prevista più calda della media trentennale, ma più fredda di quelle degli ultimi anni… Non è stato sin qui un autunno diverso dal normale soltanto per l’area europea. Sull’onda forse dei disastri provocati dalla stagione degli uragani del 2005, forti dell’iniziale persistere di una fase fredda della temperatura di superficie del pacifico orientale, i climatologi della NOAA avevano previsto una stagione terribile per i cicloni tropicali. Invece il numero degli eventi significativi è stato sin qui decisamente basso, cinque gli uragani e quattro le tempeste tropicali, ovvero gli uragani incompiuti che hanno interessato l’area atlantica. Di contro, ci sono state 12 tempeste tropicali e 9 uragani nell’area del pacifico. In effetti nel periodo agosto-settembre abbiamo assistito ad un’inversione di tendenza della temperatura di superficie dell’oceano pacifico, con il persistere in queste settimane di un rafforzamento della fase di El Niño. Questa transizione ha probabilmente pesato nel bilancio energetico della stagione degli uragani, e le conseguenze della fase calda hanno prevalso su quelle della fase fredda. Una previsione accurata ma disattesa, senza dubbio un’evoluzione molto più gradita! Beh, non c’è dubbio cari amici di MetoLive, siamo veramente bravi a far le previsioni del...giorno dopo. Questo però non ci deve affatto scoraggiare, è tutta esperienza e lasciate che ve lo dica, prima o poi ci tornerà utile.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 08.53: A51 Via Raffaele Rubattino incrocio Tangenziale Est Di Milano

incidente

Entrata chiusa causa incidente nel tratto compreso tra Svincolo Vimercate Nord: Frazione Velasca (K..…

h 08.43: R32 Raccordo Viterbo-Terni (rato)

problema sdrucciolevole

Fondo stradale dissestato nel tratto compreso tra 6,321 km dopo Svincolo Sp Narni Scalo-Capitone (K..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum