Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le ultime notizie sull’atteso cambiamento del tempo di Ferragosto

Si possono confermare le previsioni elaborate negli ultimi giorni? Oppure ci sono delle novità da sottolineare?

In primo piano - 12 Agosto 2003, ore 09.50

Ormai Ferragosto è alle porte, ed il cambiamento del tempo annunciato da più di una settimana sembra concretizzarsi con sempre maggiore decisione. L’anticiclone africano infatti tenderà presto ad abbassarsi di latitudine, portandosi lentamente verso la sua Terra d’origine, e lasciando spazio a moderate correnti oceaniche sull’Europa centro-settentrionale, ed a tratti sul Mediterraneo. E’ quindi lecito attendersi un certo calo dei valori termici su buona parte delle nostre regioni, grazie anche al passaggio di alcuni corpi nuvolosi; ma quale sarà la tempistica del cambiamento? Già nel corso del pomeriggio di giovedì 14 i primi temporali cominceranno a farsi notare sulle Alpi, specie sui rilievi di confine; qualche acquazzone potrà verificarsi anche sull’Appennino, ma sarà sicuramente di brava durata. Nel corso della nottata successiva e della giornata di venerdì 15 gli acquazzoni diverranno più numerosi, e si estenderanno a tratti anche alla Pianura Padana, in particolare alla Lombardia orientale ed il Veneto; in questa fase le piogge potrebbero risultare anche forti, ed accompagnate da improvvisi colpi di vento. Sarà proprio l’insistenza delle precipitazioni in montagna che porterà un primo deciso calo delle temperature al nord, con valori più bassi di 4-6°C rispetto a quelli registrati negli ultimi giorni; nel frattempo al centro continuerà a fare caldo, ma un leggero Libeccio comincerà a rimescolare l’aria sulle regioni tirreniche e la Sardegna. Sabato 16 qualche breve temporale alternato ad alcune schiarite continuerà ad interessare le Alpi e parte della Pianura Padana; nel frattempo l’ingresso di venti umidi sul Mar Ligure favorirà la formazione di alcune celle temporalesche in loco e sull’alto Tirreno, con il rischio di pioggia su parte della Liguria e sull’alta Toscana. La temperatura si assesterà su valori attorno ai 29-32°C di massima sulle pianure del nord; addirittura sulle Alpi orientali potremmo avvertire una relativa frescura, con valori massimi fino a 15-18°C a 1500 metri di quota, associati a raffiche di vento da nord. Sulle altre regioni la temperatura comincerà finalmente a calare, superando la soglia dei 35°C solamente sulla Sardegna (dove l’umidità sarà ancora elevata) e sulla fascia costiera marchigiana ed abruzzese (dove invece la relativa secchezza dell’aria renderà il caldo sicuramente più sopportabile). Insomma sembra davvero che questa lunga fase esageratamente calda stia per concludersi; comunque se desiderate avere ulteriori dettagli sulla previsione per i prossimi giorni seguite tutti i nostri aggiornamenti.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum