Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le nubi si gonfiano e il temporale non si verifica. Come mai?

Il nemico numero uno del temporali è chiamato "inversione termica in quota". Vediamo di cosa si tratta.

In primo piano - 1 Giugno 2015, ore 15.55

Quante volte in estate vi sarete imbattuti nel classico temporale pomeridiano che periodicamente scoppia sui nostri rilievi? Spesso lo si declassa a "temporale estivo isolato" ma sotto di esso può anche diluviare, grandinare ed esserci una grande quantità di fulmini.

L'aria caldo-umida presente a livello del suolo, scaturita da un ottimo soleggiamento mattutino, viene veicolata verso l'alto e da origine alle famose termiche, tanto care agli appassionati di parapendio.

La termica si materializza all'osservatore come un cumulo bianco innocuo circondato da un mare di cielo azzurro. In un secondo tempo, se l'atmosfera presenta un certo grado di instabilità, la situazione può degenerare: dall'innocuo cumulo si passa ad una nube torreggiante a tutti gli effetti (Cumulo congesto), che già incute la propria indole in un cielo ancora in gran parte sereno.

Il passo tra cumulo congesto e cumulonembo in genere è breve: la nube continua a salire, raggiunge con la sua sommità altezze considerevoli, si congela ed emette fulminazioni. Sotto di essa comincia a piovere anche con forte intensità.

Il cumulonembo estivo è una struttura nuvolosa fiera, che spadroneggia in cielo ed appare all'osservatore di un colore bianco brillante nella sua sommità, scuro e tempestoso alla sua base, una sorta di "Re" delle nubi.

Tornando al cumulo congesto, abbiamo affermato che il passo tra congesto e nembo è in genere breve. Qualcosa però può andare storto e il congesto invece di trasformarsi in cumulonembo può stratificarsi nella sua sommità e dare luogo ad un nugolo di nubi informi che presto si dissipano.

Tutto dipende dalla temperatura dell'aria che circonda il cumulo. E' risaputo che il calore tende sempre a muoversi verso l'alto. Di conseguenza più sarà fredda la massa d'aria che circonda la nube, più intensa sarà la spinta del calore esercitato dal basso verso le alte quote (situazione di instabilità).

Se ad una certa quota la temperatura aumenta invece di diminuire (inversione termica), la nube si verrà a trovare in un ambiente relativamente più caldo rispetto agli strati sottostanti. Conseguentemente la spinta del calore dal basso risulterà meno efficace e la nube tenderà ad appiattirsi e a "morire" (situazione di stabilità).

L'inversione termica in quota, di conseguenza, può arrestare la foga di un temporale estivo quando la nube è già allo stadio di cumulo congesto. Solo una spinta dal basso molto potente può rompere l'inversione e dare luogo lo stesso al temporale, ma capita raramente.

In quest'ultimo caso, ovvero con la rottura dell'inversione in quota tramite nubi accessorie chiamate "Pileus", i temporali che ne derivano sono spesso molto potenti ed evidenziati da un autentico "scoppio" di cumulonembi in zona.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum