Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le NEVICATE attese nella notte su venerdì al nord: chi vedrà fiocchi?

Aggiornamento con il modello MOLOCH.

In primo piano - 16 Gennaio 2014, ore 10.28

Abbiamo scelto un modello relativamente ottimista per l'aggiornamento di stamane, anche se il "ragionamento" che porta ad una simile valutazione dell'entità delle precipitazioni è piuttosto attendibile.

Tanto per cominciare a 500hPa, cioè a circa 5500m di quota, avremo una corrente tesa da SW, segnale del passaggio del ramo ascendente del getto in alta quota, che favorisce convergenza al suolo e divergenza in quota. In questo modo un canale precipitativo molto attivo si andrà formando tra basso Piemonte, Lombardia, pedemontana e fascia prealpina del Triveneto.

Anche a 1500m si ritrova lo stesso SW mite e teso ma più spostato verso il nord-est ed il centro-sud, senza coinvolgere in modo pesante la fascia alpina, nè quella occidentale del nord, dove pertanto non vi sarà molta turbolenza e potrà realizzarsi omotermia tra le quote collinari e i 1500m, con valori tutti prossimi allo zero. In pratica l'isoterma di zero gradi non verrà spazzato via con facilità sino al primo mattino di venerdì dalla media quota.

Lo Scirocco al suolo non riuscirà peraltro ed entrare franco sulla Valpadana occidentale, nè tantomeno nei fondovalle alpini. Anzi tra Piemonte ed ovest Lombardia potrebbe mettersi in moto una debole ma efficace brezza termica fredda da ovest nei bassi strati, in grado di raffreddare l'aria di quel tanto che basta per spingere le nevicate, pur miste a pioggia sino alle porte di Milano ovest e sud ovest, così come nel Pavese e nel basso Varesotto. 

Con lo zero termico prossimo tra i 600 e gli 800m in caso di precipitazioni forti ci sta che neve mista a pioggia possa raggiungere anche quote di pianura, pur con aria satura e temperature non propriamente da neve, anche sottoforma dei classici "splatters", cioè fiocconi intrisi d'acqua che si notano soprattutto sui parabrezza delle auto.

Le condizioni di freddo, pur un po' umido, maturato nelle vallate alpine già prese in esame ieri, saranno probabilmente sufficienti per assistere a nevicate sino ai fondovalle tra stanotte e venerdì mattina con particolare riferimento a Ossola, Valtellina, Val d'Adige da Trento e soprattutto dell'Isarco e Venosta, Cadore, Agordino, Carnia e Tarvisiano.

Neve molto probabile nella notte a Cuneo, Aosta,  Torino (debole), Asti (bagnata), Vercelli (bagnata), Alessandria (bagnata), Biella, Sondrio, Chiavenna, Varese, Domodossola, Bolzano, Trento (bagnata o mista), pioggia mista a neve a Novara, estremo ovest Milanese, Rovereto. Neve soprattutto venerdì mattina anche a Bressanone, Merano, Chiusa, Vipiteno, Brunico,   

Le mappe che vi postiamo riassumono quanto esposto e regalano accumuli nevosi superiori ai 15cm su diverse aree collinari del Piemonte e della fascia prealpina lombarda. In seconda battuta anche su gran parte della fascia prealpina veneta, del Trentino e del Friuli Venezia Giulia.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum