Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le ipotesi del freddo per la seconda decade di ottobre

Rimane in piedi l'impianto depressionario che potrebbe portare i primi repsiri di aria arico-marittima sul nostro Paese dopo il 10 del mese. Sarà una fase molto dinamica e caratterizzata da alterne vicende. Proviamo a tracciarne il percorso.

In primo piano - 7 Ottobre 2009, ore 10.11

Freddo si o freddo no? Non che a ottobre ci si aspetti la neve e il gelo, ma che l'autunno faccia il suo regolare ingresso sul nostro Paese, ben infilato nella fascia climatica considerata "temperata" e non "tropicale", sarebbe cosa buona e giusta. Ebbene la natura, distrattasi a lungo dopo il declino astronomico dell'estate, ora ha l'occasione per rifarsi e tornare sui suoi passi. L'andamento degli indici e lo sviluppo proposto dalle carte e medio e lungo raggio propendono per una progressiva meridianizzazione dei flussi portanti a partire dall'inizio della prossima settimana. Cosa significa? Significa che le umide e perturbate correnti provenienti dall'Atlantico, dopo una breve toccata e fuga tra giovedì e sabato, correranno subito in ritirata in favore di una rapida rotazione del vento dai quadranti settentrionali. L'importanza di questo probabile cambiamento però risiede nel luogo di origine dal quale arriverà l'aria in questione. Si tratta della fetta artica dell'Atlantico, settore già raffreddatosi a dovere in virtù di un vortice polare abbastanza carico delle ultime settimane. Due potrebbero essere gli impulsi destinati alla nostra Penisola: un primo, atteso tra lunedì 12 e mercoledì 14, proietterà probabilmente il suo asse poco ad est delle Alpi, impegnando dunque principalmente i versanti orientali dell'Italia. Un secondo, in allungo a partire da martedì 20, potrebbe invece sprofondare tra Francia e Mediterraneo occidentale, inviando su buona parte del nostro Paese una prima dose di piogge autunnali. Al momento, come già anticipato nei nostri precedenti articoli di approfondimento dedicati a questo argomento, la fenomenologia associata a questo tipo di eventi appare ancora piuttosto incerta, stante l'azione disturbante dell'arco alpino, disteso proprio a sbarrare la traiettoria delle correnti portanti. Un ulteriore motivo di prudenza ci viene suggerito dall'analisi comparata dei nostri modelli, utilizzati con il metodo probabilistico. Riguardo il prossimo affondo depressionario risultano infatti due scenari diversi: il primo prevede il rilascio di una goccia fredda all'inizio della prossima settimana con interessamento totale di tutta l'Italia (probabilità 40-45%). Il secondo sposta il primo impulso verso levante, coinvolgendo dunque solo i versanti orientali del nostro Paese (55-60%). Alla luce dei fatti dunque conviene fermarci alla descrizione generale della probabile svolta in vista per la seconda decade del mese, riservandoci di entrare nei particolari man mano che gli stessi si faranno più chiari, permettendoci di dipanare tutti i dubbi prospettati.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 06.28: A4 Milano-Brescia

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Dalmine (Km. 169,8) e Trezzo (Km..…

h 06.26: A4 Milano-Brescia

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Sesto San Giovanni-Viale Zara..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum