Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le GRANDI NEVICATE tra gli anni 60 e la metà degli anni 80 non erano la norma...

...Bensì l'eccezione.

In primo piano - 28 Ottobre 2016, ore 11.35

La diminuzione delle nevicate negli ultimi anni è sotto gli occhi di tutti.

Il problema però non è da ricondurre solo ad un aumento delle temperature ma segnatamente al fatto che sull'area europea meridionale transitano un numero decisamente inferiore di perturbazioni, oltre al solito, clamoroso dominio degli anticicloni, che monopolizzano l'area mediterranea per molte settimane in ogni stagione, senza contare che gli afflussi freddi da est si contano ormai sulle dita di una mano (l'ultimo risale al febbraio 2012).

Molte volte abbiamo parlato di un trend positivo dell'oscillazione nord-atlantica che provoca una distribuzione pressoria sfavorevole all'ingresso dei corpi nuvolosi in arrivo da ovest sul Mediterraneo centrale. Le perturbazioni, collegate alla corrente a getto, passano così decisamente più a nord, oltre il 48° parallelo.

Si tratta di un cambio climatico? Il trend è sufficientemente lungo per poter rispondere affermativamente a questa domanda e se ne riconducono le cause ad una maggiore invadenza verso nord della cella di Hadley con la sua cintura anticiclonica inossidabile. 

Cosa ha indotto allora la cella di Hadley a risalire verso nord? Chi ha potenziato gli anticicloni? Chi riconduce il tutto al riscaldamento globale in atto fa una sintesi quantomeno riduttiva e semplicistica. Potrebbe semplicemente trattarsi di un ciclo.

Da notare però che il paragone è stato fatto ponendo a confronto le annate particolarmente nevose degli anni 60, 70 e di quelle della metà degli anni 80; nel primo dopoguerra infatti le nevicate erano state molto meno frequenti ed abbondanti.

E' come se un evento quasi estremo diventasse la norma e noi lo paragonassimo costantemente ad eventi standard; sarà difficile ripetere quell'exploit proprio perché relativamente raro, indipendentemente dal continuo riscaldamento del Pianeta. 

Certo fanno paura questi anticicloni invadenti, che determinano spesso fasi siccitose, con un picco che ora non sembra più limitarsi al pieno inverno, ma che va estendendosi anche in autunno; ovvio che ne risenta il bilancio nivometrico annuale, con evidenti ripercussioni sulla salute dei ghiacciai.

Ci sono però state diverse grosse eccezioni a questa regola: nella stagione 2000-2001 l'innevamento invernale è risultato eccezionale e confortante è stato l'andamento delle nevicate nell'inverno 2003-2004 con episodi frequenti e accumuli localmente da record, così come quello del 2005-2006 con diversi episodi nevosi, anche notevoli sulle Prealpi e sulle pianure, per non dimenticare il 2008-2009, il febbraio del 2012 in Appennino e quello del 2013 sulle Alpi e in genere al nord, con fase nevosa protrattasi poi anche a marzo.

Insomma si può continuare a sognare qualche stagione bianca, cancellando però dalla nostra mente l'idea che ogni anno possano tornare grandi nevicate.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 09.52: A12 Genova-Rosignano

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Genova Est (Km. 4,2) e Allacciamento A7 Milano-..…

h 09.51: A7 Milano-Genova

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Genova Bolzaneto (Km. 125,8) e Allacciamento A1..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum