Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le domande dei lettori, le risposte di MeteoLive

Tutta la teoria che spesso non si trova nei libri di testo.

In primo piano - 1 Giugno 2009, ore 09.18

Giorgio Quaglia chiede cos'è la "vorticità ciclonica"? Con vorticità ciclonica si intende quella circolazione dei venti favorevoli alla formazione di nubi a grande sviluppo verticale, foriere di rovesci o temporali anche forti. Venti incrociati alle varie quote in una giornata in cui è annunciato tempo instabile sono la conferma che il tempo potrebbe effettivamente peggiorare. In pratica si assiste ad una ventilazione sud-orientale nei bassi strati, ad una sud-occidentale alle quote medie e ad una occidentale ad alta quota. In questo contesto possono svilupparsi importanti fenomeni. Si parla anche di Wind shear positivo. Filippo Bianchi chiede quale sia il tipo di fronte che si muove più velocemente. Innanzitutto bisogna distinguere tra fronti che transitano durante l'inverno e quelli che transitano nel periodo estivo. Quelli invernali, sostenuti da correnti in quota più forti possono raggiungere anche velocità di 100 km/h, in estate siamo sui 40-50 km/h. Tuttavia è bene operare ulteriori distinzioni: un fronte freddo procede anche a 65-80 km/h con punte di oltre 100 orari, una linea di instabilità è lenta: 30-40 km/h con qualche punta oltre i 60, il fronte caldo è molto lento: 25-30 km/h con qualche punta oltre i 50, per questo viene spesso raggiunto dal fronte freddo e genera un'occlusione. I fronti più veloci in assoluto sono comunque quelli freddi provenienti da NW che hanno raggiunto estremi superiori ai 100 km/h. Sara Gadda chiede cosa sia una "squall line". Si possono verificare situazioni temporalesche in molti modi, quello più classico è proprio legato al passaggio di una "squall line". Un fronte freddo che si muove in modo lineare favorisce la risalita di aria caldo-umida davanti ad un blocco di aria fredda che tende a rovesciarsi al suolo. Si avrà così la formazione di un temporale esteso anticipato da una nube a mensola "shelf cloud" che mette in evidenza i contrasti termici. Nella nube a mensola si infilano le correnti calde ascendenti: inflow e updraft, il cielo si tinge di nero, ma sarà nel gust front, cioè nella parte posteriore del temporale che si avranno le precipitazioni, con attive discendenze: outflow e downdraft. Il cielo si schiarirà mentre forti rovesci e raffiche di vento si abbatteranno al suolo. Se la "squall line" si muove lentamente potranno verificarsi anche alcuni allagamenti. Se il fronte sta andando in frontolisi la stessa nube a mensola potrà essere oggetto di discendenze e il temporale si scaricherà entro pochi km giungendo altrove ormai scarico. Sul lato meridionale di una "squall line" possono anche attivarsi occasionalmente dei tornado. La lunghezza della "squall line" è variabile, siamo comunque nell'ordine dei 200 km. Dopo il suo passaggio il cielo ritorna sereno e la pressione aumenta.

Autore : Risposte a cura di Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 08.00: SS191 Di Pietraperzia

blocco frana

Tratto chiuso causa frana nel tratto compreso tra Incrocio Barrafranca (Km. 30,8) e Incrocio Mazzar..…

h 07.48: A14 Ramo Casalecchio

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Allacciamento A14 Bologna-Taranto (Km. 5) e Bologna Casalecchio (..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum