Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le configurazioni piovose tipiche del Mediterraneo

La pioggia ora è sulla bocca di tutti, oltre ovviamente alla neve in montagna. Ecco le classiche configurazioni che portano precipitazioni nell'area mediterranea.

In primo piano - 4 Febbraio 2014, ore 14.07

La pioggia: quando è troppa crea dissesti e problemi, quando invece è poca la si invoca , quasi come se fosse manna dal cielo.

Stabilire un criterio di previsione su un parametro variabile come quello delle piogge non è mai facile. In un passato non troppo remoto, la nostra Penisola ha sofferto carenze idriche notevoli, mentre ore si sta vivendo una situazione diametralmente opposta.

Per diversi anni le perturbazioni non riuscivano ad entrare e poteva passare anche un mese senza che se ne vedesse una. Adesso la facilità di ingresso dei fronti è quasi disarmante: due, tre fronti alla settimana, che scaricano pioggia a più riprese in pianura e tanta neve sulle Alpi.

La pioggia sul nostro Paese è quindi garantita da condizioni bariche particolari. Il grosso del ricarico idrico è affidato ovviamente alle sopracitate perturbazioni atlantiche. Può piovere anche con gocce fredde o similari, ma la pioggia non è mai distribuita ed intensa come nel caso di un fronte atlantico.

Le perturbazioni atlantiche scorrono abbastanza velocemente sull'Europa centro-occidentale, mentre quando si gettano nel Mediterraneo subiscono un vistoso rallentamento, formando spesso depressioni. Da ciò scaturisce una maggiore persistenza delle precipitazioni, che tendono ad autoalimentarsi sul posto prendendo anche energia dal calore del Mediterraneo.

La tipica depressione che si forma sui nostri lidi è il ciclone del Golfo di Genova, detta anche "Genoa low". Si tratta di un minimo barico che si plasma sottovento alla catena alpina e che dà condizioni di maltempo prima al nord e poi anche al centro-sud (al seguito di un suo spostamento verso sud est).

Questa situazione, in genere, mette tutta l'Italia sotto precipitazioni, anche se le piogge più intense si hanno al nord e sul Tirreno. La Genoa low può formarsi sia per l'entrata di una perturbazione atlantica da ovest, sia per l'intervento di aria fredda che si imbuca nella Valle del Rodano. Il richiamo forzato di aria umida che avviene ad est della struttura, genera piogge anche copiose sulle nostre regioni.

Oltre a questa configurazione (abbastanza democratica in fatto di pioggia), ve ne sono altre. -L'entrata diretta di perturbazioni altantiche sul Mediterraneo (senza formazioni di minimi particolari-più difficile da realizzare), che danno piogge intense al nord e sul Tirreno. -L'intervento di fronti africani, o meglio afro-mediterranei, che formano depressioni tra il basso Tirreno e lo Ionio, richiamando aria più fredda da nord est. Queste danno piogge intense al sud.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum